Media / Interviste

Graffiti – trasmissione per giovani su Radio ARA: Il museo “Guerre et Paix” (Novion-Porcien, Francia); Marcia per la pace di Anselmo Malvetti

Il 17 luglio 2019, durante la trasmissione “Graffiti” sulle onde di Radio ARA, Max Bartholmé e Anselmo Malvetti, attuale studente e ex-studente del Lycée de Garçons d’Esch-sur-Alzette (Lussemburgo) e entrambi membri della nostra associazione, hanno raccontato le loro impressioni della visita del 6 luglio al museo “Guerre et Paix” a Novion-Porcien, nei pressi di Sedan nelle Ardenne francesi. Nella seconda parte della trasmissione, Anselmo ha spiegato l’itinerario e le motivazioni del cammino che farà quest’estate, dal lago di Ginevra fino al Mediterraneo, a favore delle vittime della guerra nell’est dell’Ucraina. La regia della trasmissione è stata affidata a Adrien Ries, la conduzione a Claude Pantaleoni.

Cliccate qui per leggere il contenuto della trasmissione.
 

Ciò che ha colpito di più Max e Anselmo è l’aspetto didattico chiaro e facilmente comprensibile della visita guidata. Viene spiegato bene perché e come sono legate tra loro le tre grandi guerre del 1870, del 1914-18 e del 1939-45. Le varie tappe del percorso all’interno del museo illustrano gli attori principali che portarono alle guerre e, soprattutto, come i soldati muoiono per delle cause nazionali e nazionalistiche che vengono dettate loro o che sono costretti a difendere fino alla morte. Per le tre guerre, il museo si focalizza innanzitutto sulle principali nazioni nemiche, francese e tedesca. Ma soprattutto, a loro è piaciuto il museo perché vuole mostrare quanto le popolazioni delle Ardenne francesi hanno sofferto durante quelle tre guerre.

I giovani insistono sul fatto che il museo mostra bene i cambiamenti nell’arte di fare la guerra, come nel caso delle suddette guerre, che si svilupparono in Europa nell’arco di settant’anni (tra il 1870 e il 1945): ad esempio, si notano i cambiamenti delle uniformi, le innovazioni delle armi, l’importanza degli spostamenti motorizzati, la propaganda e la fabbricazione industriale delle armi.

Ogni volta, le frustrazioni dei vinti spingeranno questi ultimi a cercare vendetta e a recuperare territori persi nella guerra precedente. La visita del museo aiuta a capire il legame tra quei tre conflitti maggiori nella cosiddetta Grande Regione (un’area geografica che include il Saarland, la Renania-Palatinato, la Lorena, il Lussemburgo, la Vallonia).

Nell’ultima parte della trasmissione, Anselmo Malvetti spiega il suo progetto di compiere un cammino per la pace da fine luglio a fine agosto 2019. Avendo scoperto recentemente il piacere di fotografare bei paesaggi e di sentirsi libero camminando sulle montagne, Anselmo ha deciso di unire l’utile al dilettevole. Ecco perché vuole camminare dal lago di Ginevra fino alle sponde del Mediterraneo. Vuole dimostrare anche che ci sono giovani che non possono farlo, perché il loro paese è in guerra oppure occupato militarmente, come è il caso nell’Ucraina dell’est. Le migliori foto che scatterà durante il cammino per la pace serviranno per fare un calendario che sarà venduto a fine anno a favore delle vittime della guerra nell’Ucraina dell’est. Ognuno può seguire Anselmo nel suo percorso connettendosi su Instagram (eefalt@photography) o su Facebook (@eefaltontour).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.