Azioni di sostegno

Newsletter nº 7

APPELLO DONAZIONI – Operazione chirurgica urgente

Cari membri,

Questo articolo è diverso dai precedenti!
Ci appelliamo alla vostra generosità per aiutare una persona che ha bisogno di un’operazione costosa che le salvi la vita. Vive nei territori occupati dai separatisti filorussi nell’Ucraina orientale.

I fatti
Il 3 maggio Irina (nome cambiato per preservare l’identità) ha avuto un attacco ai reni. È stata portata di corsa in un ospedale vicino dove è stato trovato un calcolo di 2 cm di diametro in uno dei suoi reni. Una prima operazione serve a spostare il calcolo per consentire il flusso dei fluidi nel rene. Tuttavia, è assolutamente necessario rimuovere questo calcolo. Questo è possibile solo con metodi sofisticati che l’ospedale non ha. Bisogna andare in un altro ospedale che abbia gli strumenti adeguati. 

Affinché questa operazione e il controllo medico possano essere effettuati il più rapidamente possibile, la famiglia deve prima pagare una somma di circa 500 euro. Non avendo né assicurazione sanitaria né riserve monetarie, con uno stipendio di circa 80 euro al mese, Irina non è in grado di pagare. La prima operazione è già costata l’equivalente di 200 euro. Per la sua famiglia è una corsa contro il tempo per trovare prestiti di denaro da parenti, vicini o amici.

La guerra iniziata nel 2014 ha creato in questi territori ucraini orientali un impoverimento senza precedenti dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Una gran parte della popolazione che non è fuggita si sta avvicinando a un livello di povertà che equivale a quello dell’immediato dopoguerra di più di 70 anni fa.
Il 10 maggio la nostra associazione è stata informata di questo caso che richiede un aiuto urgente. L’operazione dovrebbe essere effettuata durante questa settimana dall’11 al 16 maggio.
Da qui il nostro appello alla vostra generosità per aiutarci a pagare questa operazione.

Potete farlo inviando la vostra donazione sul conto bancario IBAN LU28 0099 7800 0064 0276 (BIC: CCRALULL) con la menzione “operazione Irina”.

Vi ringraziamo infinitamente e vi terremo informati sul seguito di questa urgente azione di aiuto nelle prossime settimane.

Claude Pantaleoni
Presidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.