Aiuto alle vittime nel 2015-2017

L’associazione senza fine di lucro “Per la pace e contro la guerra” è stata preceduta dall’omonima iniziativa privata. Inizia a organizzare aiuti concreti nel febbraio 2015, dopo lo scoppio della guerra nell’Ucraina orientale e l’annessione della Crimea da parte della Russia.

Da febbraio a luglio 2015 avevamo chiesto a tutti i nostri amici, conoscenti, nonché agli alunni e agli insegnanti del Lycée de Garçons di Esch-sur-Alzette (Lussemburgo) di fare una donazione a favore delle vittime della guerra nell’Ucraina orientale. Questo appello ci ha permesso di raccogliere donazioni (7.767€). Questo denaro raggiunge le vittime per intero. In totale, la somma di 3.900 euro è stata inviata tra febbraio 2015 e febbraio 2016 a queste famiglie, vittime della guerra.

Tra luglio e settembre 2015 sono stati inviati in Ucraina un totale di 28 pacchi contenenti abbigliamento invernale (435 kg in totale). Questi abiti invernali sono stati donati dagli studenti e dalle loro famiglie, nonché dagli insegnanti e dal personale del LGE. La spedizione è costata 1.785€.

Rimaniamo in contatto con le famiglie bisognose attraverso la nostra coordinatrice per aiutarle a ottenere l’accesso a medicinali costosi e a operazioni e procedure mediche in caso di necessità. I restanti 2.082 euro sono stati utilizzati a tali fini tra giugno 2015 e giugno 2017.

Il reddito medio mensile in Ucraina nel 2015 era compreso tra i 50 e i 100 euro. Se consideriamo l’inflazione di circa il 50%, ci rendiamo conto che il valore di ogni euro è in costante aumento.

Vi ringraziamo per le vostre donazioni e il vostro sostegno. Non esitate a contattarci per qualsiasi domanda.

Claude e Natalya Pantaleoni

 

Famiglia Katerina K. – La madre e la nonna di Katerina vivevano a Donetsk. Hanno ricevuto 66,6€ a febbraio, 83€ a maggio e 65€ a luglio.

Katerina è stata restauratrice del Museo di storia e cultura di Donetsk. Ha perso il lavoro nell’aprile 2014 e poi è sopravvissuta vendendo gioielli di sua creazione. Non può lasciare le aree occupate perché deve occuparsi della madre e della nonna. La nonna ha 89 anni e soffre di Alzheimer. All’inizio del 2015 la madre ha avuto un infarto. Con il nostro aiuto ha potuto permettersi le cure necessarie e il ricovero in ospedale.

La nonna è morta nel maggio 2015 e la madre deve tornare in ospedale a causa di problemi cardiovascolari seguiti da un’infezione agli occhi. Grazie al nostro aiuto materiale, Katerina e sua madre sono riuscite a lasciare le aree occupate e a fuggire a Dobropolje.

 

Svetlana B. vive a Donetsk e si prende cura da sola del suo bambino disabile su sedia a rotelle e della sua anziana madre che soffre di diabete.

La madre ha avuto un infarto nel maggio 2015 che l’ha lasciata inferma. Nel 2015 hanno ricevuto 50€ a marzo, 83€ ad aprile e 83€ a giugno e 100€ a gennaio 2016.

 

Famiglia Yulia L. – Vedova, madre di 2 bambini piccoli, Ivan e Nikita, di Donetsk. Nel luglio 2015 ha perso il marito nei bombardamenti ed è fuggita con i figli nel villaggio di Pology (nella regione di Zaporijia). È una panettiera di mestiere, ma non riesce a trovare lavoro, nemmeno come donna delle pulizie.

Il sostegno dello Stato ucraino è appena sufficiente per pagare l’affitto e l’asilo nido. Le spese della famiglia superano il loro reddito. Hanno ricevuto 60€ a marzo, aprile e giugno, 100€ a gennaio 2015 e un pacco con abiti invernali ad agosto.

 

Natalya M. – Ha ricevuto 20 euro nel marzo 2015 e un pacco di abiti invernali nel luglio 2015. Si prende cura della figlia di 5 anni (è una famiglia monoparentale) e appartiene alla comunità greco-cattolica di Donetsk. Ha perso il marito durante i bombardamenti di Donetsk nell’agosto 2014. Nel settembre 2014 è fuggita a Kryvoj Rog con sua figlia Alexandra. La sua madre gravemente malata è rimasta a Donetsk. Un estratto di una sua lettera: “Vi ringrazio di cuore per il vostro aiuto, il denaro inviato rappresenta per me una grossa somma. Il mio reddito mensile è costituito dal mio stipendio [circa 50 euro], dall’assistenza per il trasferimento [circa 54 euro] e dai 21 euro che ricevo ogni mese dal padre di mia figlia [dal quale è divorziata]. Mi trovo da sola in una città straniera, i prezzi continuano ad aumentare, mio figlio sta crescendo e ho molte spese. Grazie per il vostro aiuto e il vostro sostegno; che Dio vi protegga.”

 

Sergej P., sua figlia e Alina hanno ricevuto: 66,6 euro nell’aprile 2015 e un pacco contenente abiti invernali nel settembre 2015.

Elena, la moglie di Sergej, è stata uccisa il 26.01.2015, durante il bombardamento di Mariupol da un missile proveniente dal territorio pro-russo.

Sergej lavora come operaio siderurgico, ma non riceve il suo stipendio in modo regolare, una volta che riceve 50€ e la volta successiva 100€. Lui e sua figlia vivono con dei conoscenti a Mariupol, non può affittare un appartamento e non vuole tornare a Makiivka (la sua città natale), che si trova nella zona occupata. Soffre di depressione.

 

La famiglia S. – Svetlana e Sergej hanno ricevuto 116€ a marzo, 38€ ad aprile e 210€ a luglio 2015. Inoltre, nel settembre 2015 è stato inviato loro un pacco contenente abiti invernali.

La famiglia fa parte della comunità greco-cattolica di Donetsk e si è rifugiata a Dnipro a causa dei pesanti e incessanti bombardamenti. A Donetsk vivevano in un edificio in cui uno degli abitanti è morto durante gli attacchi. L’edificio è stato parzialmente danneggiato, tutte le finestre e il sistema di riscaldamento sono stati distrutti.

Attualmente la famiglia affitta un bilocale a Dnipro con la famiglia di Oxana, sorella gemella di Svetlana.

Svetlana è nata il 06.02.1981 ed è parzialmente disabile (invalidità di 3° livello). Il marito lavora come manovale e guadagna 2500 grn (ca. 110€) al mese. Il loro figlio Lubomir nato il 12.01.2014 ha dovuto essere ricoverato in ospedale a causa di una grave bronchite seguita da un’infezione intestinale. Abbiamo pagato il ricovero e i farmaci. A luglio abbiamo coperto i costi di un’operazione ginecologica indispensabile per la salute di Svetlana.

 

[…]