Azioni di sostegno

Successo dell’operazione “Igor”

Nella Newsletter n. 10 abbiamo fatto un appello per sostenere l’operazione urgente di Igor, una vittima civile che è stata gravemente ferita nel febbraio 2021 durante gli scontri tra l’esercito ucraino e i separatisti filorussi.

Da allora, Igor sta aspettando a casa la possibilità di essere operato, ma la famiglia non poteva raccogliere i soldi necessari per pagare l’operazione. Nel frattempo, le condizioni di Igor stavano peggiorando.

Alla fine di aprile siamo venuti a conoscenza del suo caso da qualcuno che conoscevamo e abbiamo deciso di pagare le spese dell’operazione e tutti i trattamenti necessari.

A maggio è stata eseguita l’operazione, che era stata rimandata più volte. L’operazione è durata dalla mattina alla sera: a Igor sono stati rimossi tutti i pezzi di proiettili dall’addome e gli organi sono stati rimessi al loro posto. Igor è rimasto in ospedale per un mese e ha attraversato un periodo post-operatorio molto duro.

Oggi è tornato a casa e continua il trattamento quotidiano di riabilitazione in ospedale. Per settimane dovrà mantenere una dieta rigorosa, ma rimarrà invalido per il resto della sua vita. In una recente telefonata, ha ringraziato la nostra associazione e tutti i donatori che hanno contribuito a salvargli la vita.

Azioni di sostegno, Newsletter-it

Igor, vittima civile della guerra in Ucraina orientale

Questa guerra, che è quasi scomparsa dai nostri media, continua ogni giorno a fare le sue vittime. Ecco un caso urgente che la nostra associazione “Ad Pacem” ha deciso di sostenere in questi giorni, con il vostro aiuto se possibile.

Si tratta di un’operazione urgente per il giovane Igor, una vittima civile ferita dai proiettili sulla linea del fronte. La sua famiglia non ha i soldi per pagare l’operazione e il suo soggiorno in ospedale.

Intervento chirurgico urgente

Nelle ultime settimane, le sparatorie si sono intensificate sulla linea del fronte dove si affrontano l’esercito ucraino e i separatisti armati dalla Russia. Molte famiglie continuano a vivere lì perché non possono fuggire altrove, non avendo amici o familiari che possano accoglierle.

È il caso di Igor, 22 anni, che vive con suo padre (il quale vive di lavori saltuari) in un villaggio vicino alla linea del fronte.

Alla fine di febbraio, era nel suo giardino quando è stato gravemente ferito da proiettili vaganti all’addome e alla mano. Una prima operazione è stata fatta per trattare urgentemente e temporaneamente la sua ferita addominale e gli ha rimosso due dita. La seconda e più importante operazione è stata rinviata più volte a causa della crisi sanitaria di Covid nella regione. Sappiamo che la situazione finanziaria del padre non gli permette di pagare questa seconda operazione che dovrebbe essere fatta mercoledì prossimo 19 maggio. Questa operazione non avrà luogo se non paga l’ospedale in anticipo e non porta le medicine che dovrà comprare in anticipo. Il chirurgo gli ha consigliato di non comprare medicine russe, che sono più economiche ma anche di qualità inferiore e inefficaci per questa operazione.

È attraverso un conoscente che abbiamo aiutato per anni che siamo stati messi in contatto telefonico con il padre di Igor, che era disperato. L’operazione è necessaria per salvare la vita di suo figlio, che dovrà rimanere almeno venti giorni in ospedale con trattamenti speciali. Ed è anche responsabilità del padre comprare tutte le medicine per dopo l’operazione.

Secondo le informazioni che abbiamo al momento, le spese per l’operazione di Igor ammontano a 800€, l’acquisto di medicine a 400€, il ricovero con medicine speciali a 400€. È importante sapere che un lavoratore medio guadagna al massimo 150€ al mese nei territori occupati dai separatisti filorussi, il che non è il caso del padre che non ha un lavoro retribuito.

Facciamo appello alla vostra generosità per aiutare Igor. Ogni donazione, non importa quanto piccola, fa la differenza.

Potete fare la vostra donazione sul nostro conto bancario IBAN LU28 0099 7800 0064 0276 (BIC: CCRALULL) con la causale “Operazione Igor”.

Vi ringraziamo di cuore e vi terremo informati sul seguito di questo aiuto urgente nelle prossime settimane.

Uscite

Bike for climate – bike for peace

Quindici membri dell’associazione Ad Pacem hanno pedalato insieme per due giorni sulle piste ciclabili del Lussemburgo. Questa uscita in bicicletta ha fatto comprendere come questo mezzo di locomozione riduca l’inquinamento dell’aria e il cambiamento climatico, e procuri benessere e pace allo spirito, all’anima e al corpo.

Sono partiti in bicicletta la mattina del 15 aprile dal Glacis a Lussemburgo città percorrendo la pista ciclabile n. 2, che attraversa il Ponte Rosso e il Kirchberg e conduce fino a Echternach.

La pausa pranzo si è svolta alla fermata del bus del piccolo villaggio di Rippeg. All’altezza di Consdorf è stato possibile vedere, al margine della pista ciclabile, l’enorme bomba americana risalente alla Seconda guerra mondiale, ritrovata nel 1990. il gruppo è arrivato al lago di Echternach verso le 15.30.

Visita della villa romana

Alle 16.30 il gruppo ha visitato il Museo della villa romana. La guida ha spiegato in maniera molto dettagliata come si viveva nella villa, che fu abitata dal I al X secolo d.C.

Dalla terrazza del museo ci si può rendere conto della grandezza e delle dimensioni considerevoli della villa e della campagna circostante. Le collezioni del museo mettono in luce soprattutto l’importanza degli studi classici dei giovani dell’aristocrazia romana e l’arte della cucina del tempo.

La cena si è tenuta all’aperto sulla terrazza dell’ostello della gioventù a Echternach.

Visita della basilica e della cripta

Venerdì mattina il gruppo ha inforcato le biciclette in direzione Echternach dove il gruppo ha assistito alla messa nella basilica. Successivamente, don Erasmy ha illustrato la storia della basilica dalla sua fondazione nel VII secolo fino ai giorni nostri, soffermandosi anche sulle diverse fasi di distruzione e ricostruzione.

Il gruppo ha visitato la cripta, dov’è conservata la tomba di San Willibrord, che ha evangelizzato questi luoghi diffondendo la fede cristiana. Come noto, è il patrono del Lussemburgo e la processione danzante in suo onore, che si tiene il martedì della Pentecoste, è stata inserita nel 2010 nel Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’UNESCO.

Alle 10.30 il gruppo ha lasciato Echternach e ha imboccato la pista ciclabile n. 3 seguendo il corso del fiume Sûre. Dopo una pausa pranzo a Born, villaggio vicino alla Sûre, il viaggio è continuato fino a Mertert, dove il gruppo è passato alla pista ciclabile n, 4 verso Niederanven. Il percorso si è concluso, a cerchio, ripercorrendo i primi chilometri affrontati il giorno precedente. Alle 19.30 il gruppo è arrivato al Glacis.

Dopo due giorni di viaggio in bicicletta, faticosi ma soddisfacenti, i partecipanti hanno apprezzato in particolare il contatto con la natura. Gli spostamenti in bicicletta sono fondamentali per limitare l’inquinamento da Co2, per diminuire l’effetto serra e per avviarsi verso un consapevole cambiamento ecologico.

Assemblea generale

Quarta Assemblea Generale 2021

Sabato 6 marzo, il comitato di Ad Pacem servandam (Per la pace e contro la guerra) ha tenuto la sua quarta assemblea generale online. Tutti i membri del consiglio erano presenti con 18 membri che hanno seguito la riunione in diretta online, 22 membri assenti giustificati.

Dopo aver fatto una panoramica generale dei vari punti all’ordine del giorno, il presidente Claude Pantaleoni ha passato in rassegna tutte le attività e le operazioni dell’anno 2020.

La vicepresidente, la signora Natalya Pantaleoni, ha presentato gli aiuti alle vittime della guerra in Ucraina orientale e i tre nuovi borsisti di questa regione che Ad Pacem sostiene da alcuni mesi.

Un punto importante delle attività del 2020 è stata l’elaborazione del calendario Ad Pacem 2021. È stato realizzato a partire dalle foto scattate da quattro membri dell’associazione durante il cammino lungo un tratto del Sentiero della Pace che segue la linea del fronte della Grande Guerra (1915-18) tra l’Italia e l’Impero austro-ungarico. È stato venduto nelle parrocchie, nelle scuole superiori e tra i membri e gli amici.

Il signor Christian Welter, tesoriere, ha presentato una relazione finanziaria dettagliata per l’anno 2020 che è stata convalidata dal revisore dei conti, il signor Patrice Picart.

Il comitato è lieto di annunciare l’accettazione di un nuovo membro, Laurent Tran Van Mang. Gli ultimi punti all’ordine del giorno riguardavano il prossimo viaggio di pace che l’associazione intende fare in Bosnia-Erzegovina sulle tracce delle guerre balcaniche degli anni Novanta. Si prevede anche di organizzare alcune uscite con i giovani (gite in bicicletta, visite a musei, ecc.) e di organizzare incontri con le vittime della guerra.

Azioni di sostegno

Marcia per la Pace sul fronte della Guerra 1915-18

Per una settimana, da lunedì 7 a venerdì 11 settembre 2020, alcuni dei nostri membri hanno percorso una parte del Sentiero della Pace, che segue per 650 km il fronte italiano (alpino) della Prima Guerra Mondiale. Lì, tra il 1915 e il 1918 si scontrarono l’esercito italiano e quello austro-ungarico. Il percorso scelto si trova nelle Prealpi vicentine, nei pressi di Rovereto e del lago di Garda.

Lo scopo era scoprire proprio sui luoghi della Grande Guerra la dura realtà di un conflitto combattuto sulle montagne, che fece più di un milione di vittime tra gli eserciti dei due Paesi.

Continue reading “Marcia per la Pace sul fronte della Guerra 1915-18”
Azioni di sostegno

Newsletter nº 7

APPELLO DONAZIONI – Operazione chirurgica urgente

Cari membri,

Questo articolo è diverso dai precedenti!
Ci appelliamo alla vostra generosità per aiutare una persona che ha bisogno di un’operazione costosa che le salvi la vita. Vive nei territori occupati dai separatisti filorussi nell’Ucraina orientale.

I fatti
Il 3 maggio Irina (nome cambiato per preservare l’identità) ha avuto un attacco ai reni. È stata portata di corsa in un ospedale vicino dove è stato trovato un calcolo di 2 cm di diametro in uno dei suoi reni. Una prima operazione serve a spostare il calcolo per consentire il flusso dei fluidi nel rene. Tuttavia, è assolutamente necessario rimuovere questo calcolo. Questo è possibile solo con metodi sofisticati che l’ospedale non ha. Bisogna andare in un altro ospedale che abbia gli strumenti adeguati. 

Continue reading “Newsletter nº 7”

Conferenze

Il nostro ospite al 20° “Salon du Livre et des cultures du Luxembourg” – Gabriel BECKER

Sabato 29 febbraio 2020 alle 15.30

LUXEXPO KIRCHBERG LUXEMBOURG, 2° piano

“Il BAN SAINT-JEAN: lotta per la memoria di un campo di prigionia ucraino e sovietico nella Mosella”

 

Gabriel Becker, professore in pensione di tedesco, da vent’anni raccoglie testimonianze, documenti d’archivio e cimeli per riportare in vita la storia di questo campo di prigionia. È autore di quattro libri sull’argomento:

  • Le camp du BAN SAINT-JEAN (1941-1944), Lumière sur une honte enf(o)uie
  • Le drame ukrainien en France (Moselle) (1941-1944), Mementote…
  • Camp du Ban Saint-Jean, Moselle, La Revie
  • Camp du Ban Saint-Jean Moselle, Nadejda : Espoir

È vicepresidente e co-fondatore dell’Association Franco-Ukrainienne (AFU) per la riabilitazione della fossa comune del Ban Saint-Jean vicino a Boulay, nel dipartimento della Mosella.

Durante la sua conferenza, egli presenterà la torbida storia di questo campo di transito (300.000 prigionieri) e di sterminio (22.000 morti).