Azioni di sostegno

Newsletter nº 7

APPELLO DONAZIONI – Operazione chirurgica urgente

Cari membri,

Questo articolo è diverso dai precedenti!
Ci appelliamo alla vostra generosità per aiutare una persona che ha bisogno di un’operazione costosa che le salvi la vita. Vive nei territori occupati dai separatisti filorussi nell’Ucraina orientale.

I fatti
Il 3 maggio Irina (nome cambiato per preservare l’identità) ha avuto un attacco ai reni. È stata portata di corsa in un ospedale vicino dove è stato trovato un calcolo di 2 cm di diametro in uno dei suoi reni. Una prima operazione serve a spostare il calcolo per consentire il flusso dei fluidi nel rene. Tuttavia, è assolutamente necessario rimuovere questo calcolo. Questo è possibile solo con metodi sofisticati che l’ospedale non ha. Bisogna andare in un altro ospedale che abbia gli strumenti adeguati.

Affinché questa operazione e il controllo medico possano essere effettuati il più rapidamente possibile, la famiglia deve prima pagare una somma di circa 500 euro. Non avendo né assicurazione sanitaria né riserve monetarie, con uno stipendio di circa 80 euro al mese, Irina non è in grado di pagare. La prima operazione è già costata l’equivalente di 200 euro. Per la sua famiglia è una corsa contro il tempo per trovare prestiti di denaro da parenti, vicini o amici.

La guerra iniziata nel 2014 ha creato in questi territori ucraini orientali un impoverimento senza precedenti dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Una gran parte della popolazione che non è fuggita si sta avvicinando a un livello di povertà che equivale a quello dell’immediato dopoguerra di più di 70 anni fa.
Il 10 maggio la nostra associazione è stata informata di questo caso che richiede un aiuto urgente. L’operazione dovrebbe essere effettuata durante questa settimana dall’11 al 16 maggio.
Da qui il nostro appello alla vostra generosità per aiutarci a pagare questa operazione.

Potete farlo inviando la vostra donazione sul conto bancario IBAN LU28 0099 7800 0064 0276 (BIC: CCRALULL) con la menzione “operazione Irina”.

Vi ringraziamo infinitamente e vi terremo informati sul seguito di questa urgente azione di aiuto nelle prossime settimane.

Claude Pantaleoni
Presidente

Azioni di sostegno

Strumenti musicali per giovani di Avdiivka

La nostra organizzazione no profit “Pour la Paix et contre la Guerre” ha finanziato e inviato nel 2019 tutti gli strumenti musicali a un gruppo di giovani che vogliono opporsi a la guerra con la musica.

Avdiivka è una città industriale in Ucraina, che confina con la città di Donetsk controllata da milizie filo-russe. Nel periodo anteguerra, cioè prima del 2014, la vita culturale si è concentrata soprattutto a Donetsk. Ad Avdiivka c’erano solo fabbriche e dormitori. Dall’estate del 2014 gli abitanti di Avdiivka vivono vicino al fronte.
Una coppia ucraino-patriottica, Svetlana e Oleksiy Savkevych, lavora dall’inizio della guerra per promuovere attività ricreative per i giovani della loro città. Nel maggio 2018, sono persino riusciti a organizzare un festival della cultura ucraina ad Avdiivka.
Questo festival ha suscitato grande interesse nella musica tra i giovani. Per questo Oleksiy ha voluto trovare e allestire una sala di musica per i giovani. Doveva essere uno spazio dove i giovani potessero incontrarsi lontano dalla strada e dalla guerra, imparare l’uno dall’altro e fare musica insieme.
Continue reading “Strumenti musicali per giovani di Avdiivka”

Azioni di sostegno

Calendario 2020 con le foto della marcia per la pace

Dalla fine di luglio all’inizio di settembre 2019, un giovane membro della nostra associazione, Anselmo Malvetti, ha intrapreso una marcia per la pace dal lago di Ginevra alle rive del Mediterraneo. Ha voluto così richiamare l’attenzione sulla guerra russo-ucraina che, dal 2014, ha causato più di 14.000 morti e ha costretto 1,5 milioni e mezzo di ucraini a lasciare la loro patria. La maggior parte di loro si è rifugiata in Ucraina libera.


In autunno, Anselmo ci ha regalato le dodici foto più belle che ha scattato durante la sua marcia per realizzare un bellissimo calendario per il 2020, grazie alla progettazione artistica di Lisa Battestini. Continue reading “Calendario 2020 con le foto della marcia per la pace”

Azioni di sostegno

Azioni di aiuto per bambini rifugiati a Dnipro

Nel novembre 2019 la Caritas ucraina di Dnipro (una grande città dell’Ucraina orientale) ci ha chiesto se avessimo vestiti, scarpe e regali da inviare a circa 40 bambini di famiglie di rifugiati, da 1 a 15 anni.
È stato spontaneamente e rapidamente che alcuni dei nostri soci che abbiamo contattato hanno donato vestiti, scarpe e regali ai bambini. Due scatole sono state donate anche dalla Croce Rossa di Villerupt (F).

Questo slideshow richiede JavaScript.

La comunità greco-cattolica di Dnipro organizza aiuti per queste famiglie fuggite dai territori occupati dai separatisti filorussi a Luhansk e Donezk. Tutti sono fuggiti per motivi politici e/o religiosi.
Il 15 dicembre sono state inviate a Dnipro cinque grandi scatole del peso totale di 80 kg, dove sono arrivate il 20 dicembre. Tutto è stato distribuito ai bambini, ai giovani e ai loro genitori. Continue reading “Azioni di aiuto per bambini rifugiati a Dnipro”

Azioni di sostegno

Vendita di torte al Lycée de Garçons di Esch-sur-Alzette a favore dei profughi di guerra Ludmila e Danil

Gli studenti del Lycée de Garçons d’Esch-sur-Alzette (L) hanno organizzato la vendita di dolci fatti in casa durante le pause dal 21 ottobre al 12 novembre 2019. Il ricavato era a favore di Ludmila Bazhenova e di suo nipote Danil. Entrambi sono rifugiati di guerra da Donetsk (Ucraina orientale), città occupata da separatisti filo-russi.

Fino alla fine di ottobre, entrambi sono stati aiutati dalla Caritas di Dnipro. Questa organizzazione umanitaria ci ha trasmesso questa difficile situazione, a metà ottobre, dalla settantenne nonna Ludmila e da suo nipote Danil, che ha dodici anni. Entrambi sono fuggiti da Donetsk nel 2017 perché la situazione familiare era diventata insostenibile per la nonna e il bambino.
La madre di Danil ha dato alla luce un bambino handicappato nel 2014 durante i bombardamenti. Il padre, non il padre naturale di Danil, fu mandato in prigione dove fu torturato per mesi dai separatisti. Durante i lavori forzati all’aria aperta riuscì a fuggire e tornò in segreto in famiglia. Ma, è diventato così mentalmente instabile che ha costantemente picchiato Danil. La nonna non sopportava più questa difficile situazione e, non avendo trovato aiuto nella zona occupata, decise di fuggire con il nipote. Sono fuggiti senza problemi attraverso campi minati non sorvegliati, in Ucraina libera e in sicurezza e hanno raggiunto la città di Dnipro. Continue reading “Vendita di torte al Lycée de Garçons di Esch-sur-Alzette a favore dei profughi di guerra Ludmila e Danil”

Azioni di sostegno

Nuovo appello a sostenere Lev Borodin

Sabato 17 et domenica 18 agosto, siamo stati al Santuario San Pasquale Baylòn a Ostra Vetere nelle Marche, dove in tutte le messe abbiamo ringraziato tutta la comunità per le offerte dell’anno passato che hanno permesso a Lev Borodin di frequentare il primo anno di studi informatici all’università di Kyiv. Abbiamo di nuovo spiegato i motivi che ci spingono, in quanto associazione “Ad pacem servandam”, ad aiutare questo giovane. Lev ha scritto una lettera alla comunità nella quale ringrazia con tutto il cuore tutti quelli che lo sostengono. Alcuni passaggi della lettera sono stati citati durante le messe.
Con l’accordo e il sostegno dei padri francescani del Santuario, abbiamo rinnovato il nostro appello a sostenere Lev, rifugiato da Donetsk a Kyiv, e finanziare gli studi universitari del prossimo anno accademico. Grazie al nostro appello abbiamo riscosso la somma di 1065 €.

Azioni di sostegno

Novità di due studenti ucraini i cui studi sosteniamo grazie a donazioni

Due studenti che attualmente sosteniamo in Ucraina grazie alle donazioni hanno superato con successo l’anno universitario 2018-2019.

La prima è Susanna Aksenkova, che sosteniamo dal 2016. Susanna è una studentessa assidua e dotata, che ha terminato i suoi studi secondari a Kramators’k con il massimo dei voti. A causa della guerra è dovuta fuggire da Horlivka (attualmente occupata) con la madre. Grazie ai nostri aiuti, Susanna ha la possibilità di proseguire i suoi studi di medicina e di coltivare il suo sogno di diventare medico. Grazie ai nostri doni, noi possiamo pagare l’affitto della camera di Susanna a Charkiv e comprare i libri di cui ha bisogno.

Ecco un estratto della lettera che ci ha recentemente inviato:
“Buongiorno.
Ho superato molto bene i miei esami della sessione estiva. Io sto bene.
Vorrei ringraziarvi molto per il vostro aiuto finanziario. Senza quel denaro non avrei la possibilità di seguire le conferenze scientifiche e pratiche e i seminari della mia disciplina. Grazie al vostro aiuto posso pagare per la pubblicazione dei miei articoli di ricerca e anche coprire le spese di viaggio quando mi devo spostare in altre città per partecipare ad altre conferenze. Inoltre, posso procurarmi tutti i manuali necessari per i miei studi universitari. Durante le vacanze estive resterò a Charkiv e lavorerò nella clinica universitaria. Recentemente sono diventata membro dell’associazione di studenti ucraini Ingenius e insieme agli altri componenti organizziamo seminari tenuti da medici per un pubblico di studenti. Il prossimo seminario si terrà a settembre.
Grazie al vostro aiuto posso unire i miei studi a tutte queste attività. Ringrazio tutti coloro i quali mi sostengono con i loro doni. Auguro a tutti buona salute e buon riposo durante le vacanze estive.
Susanna, 25 luglio 2019.”

Potete leggere tutta la storia di Susanna qui .

 

Da settembre 2018 sosteniamo anche Lev Borodin, un giovane studente di informatica, la cui famiglia è profuga interna di Donec’k. Il suo caso ci è stato comunicato dalla Caritas dell’Ucraina. La famiglia russo-ucraina di Lev è dovuta fuggire da Donec’k, anche a causa della loro appartenenza alla Chiesa greco-cattolica.

Irina, la madre di Lev, ci ha scritto in una lettera:
“Non abbiamo voluto credere all’eventualità di una guerra fino all’ultimo momento. Abbiamo partecipato alle azioni di protesta pacifica, alla maratona di preghiera, che aveva riunito persone di differenti confessioni religiose in un momento di preghiera per la pace. Ma questo non è servito a niente. A Donec’k sono arrivati uomini armati stranieri che hanno lanciato pietre e Molotov sui manifestanti pacifici. Poco dopo ci sono state delle fucilate vicino alla scuola, l’aeroporto di Donezk è stato bombardato e la chiesa greco-cattolica della nostra parrocchia è stata distrutta. Allora abbiamo preso la decisione di fuggire provvisoriamente, nella speranza di ritornare presto, quando ci sarà di nuovo la pace.”

Però finora non è stato il caso. La famiglia è fuggita verso Dnipro, dove hanno sofferto la discriminazione. Hanno dovuto cambiare tre volte abitazione. Il padre della famiglia non ha trovato lavoro fino a ora, se non qualche piccolo lavoro occasionale. Lo stato di salute di Lev, che soffre di una patologia tiroidea autoimmune congenita, è peggiorato durante la fuga. Ha dovuto prendere dei dosaggi ormonali di volta in volta maggiori. Inoltre, soffre di cifosi. Questo comporta per la famiglia delle importanti spese in medicine, analisi e kinesiterapie.
Lev ha conseguito il diploma nel 2018 e voleva diventare informatico. Il costo dei suoi studi era purtroppo troppo elevato per la sua famiglia. Abbiamo deciso, nell’estate del 2018, di sostenere gli studi di Lev pagandogli la tassa d’iscrizione all’università e l’affitto del suo alloggio.

Nella sua ultima lettera, Lev ci ha scritto:
“Vorrei ringraziare vivamente tutti quelli che hanno fatto delle donazioni per me. Questo denaro mi ha permesso di studiare per un anno intero all’università di Kiev. Ho imparato molto per il mio futuro lavoro. In inverno abbiamo avuto anche uno stage, nel quale ho potuto mettere in pratica le conoscenze teoriche acquisite e nel quale ho potuto elaborare un progetto per la protezione dell’ambiente. Mi piace molto studiare a Kiev, dove ho trovato numerosi nuovi amici. Senza il vostro aiuto tutto questo non sarebbe stato possibile. Vi ringrazio moltissimo.
Lev Borodin, 23 luglio 2019.”

Potete leggere tutta la storia di Lev qui .

Azioni di sostegno

Marcia per la Pace

Da questo giovedì 25 luglio 2019, Anselmo Malvetti, membro della nostra associazione, ha iniziato la sua marcia per la pace nell’Ucraina orientale. Dal 2014, in questa parte d’Europa è in corso una guerra contro l’aggressore russo. Questa guerra è oggi ampiamente ignorata dai media europei.

Anselmo conosce l’Ucraina perché è stato lì nel 2013, un anno prima dello scoppio di questa guerra, per portare aiuti umanitari a un orfanotrofio a Cherkassy, una città dell’Ucraina centrale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Durante questo viaggio ha anche visitato con i suoi amici la Crimea, allora ucraina, che è stata annessa dalla Russia nel 2014 quando il popolo ucraino stava manifestando nella capitale, sul Maidan, il suo desiderio di volgersi verso l’Europa e non verso l’Asia.

Come studente e cittadino europeo, Anselmo capì che il popolo ucraino aveva bisogno del sostegno dell’Europa nel suo cammino verso uno Stato indipendente non soggetto alla Russia. Come pacifista, si mostra solidale con le vittime innocenti di questa guerra.

Ha invitato chiunque fosse interessato ad unirsi a lui per qualche giorno di marcia per la pace in un bellissimo paesaggio. Chiunque voglia sostenerlo nei suoi sforzi può fare una donazione alle vittime di questa guerra in Ucraina, che noi sosteniamo nella ricostruzione della loro vita.

La donazione può essere effettuata tramite bonifico bancario sul conto corrente IBAN LU28 0099 7800 0064 0276 (CCRALULL) con la menzione: Anselmo Malvetti Peace March.

Potete seguire i progressi di Anselmo collegandovi a Instagram @eefalt.photography o su Facebook @eefaltontour

Per saperne di più sulla motivazione di Anselmo a intraprendere questa azione di solidarietà, potete leggere qui sopra in formato PDF la sua intervista pubblicata sul quotidiano lussemburghese “Tageblatt” il 19 luglio 2019.

Tageblatt 19_07_2019