Assemblea generale

Resoconto della nostra quinta Assemblea Generale 2022

Contenuti:

  • Accoglienza e guerra in Europa
  • La prima edizione di “Bike for climate – bike for peace”
  • Operazione Igor
  • Marcia della pace in Bosnia-Erzegovina
  • La seconda edizione di “Bike for climate – bike for peace”
  • Invito Ihor Kozlovsky
  • Vendita calendario Ad Pacem 2022
  • Relazione finanziaria 2021
  • Il nostro sostegno ai borsisti e ai pazienti ucraini nel 2021
  • Conferenza con la signora Galina Ackerman il 7 maggio 2022
  • Carta aggiornata dei progetti e degli obiettivi dell’associazione

Sabato 26 marzo 2022 il consiglio direttivo dell’associazione “Ad Pacem servandam – Per la pace e contro la guerra” ha tenuto la sua quinta assemblea generale online. Quattro membri del Consiglio di amministrazione erano presenti, mentre il signor Anselmo Malvetti si è assentato per motivi professionali. Anche diversi membri sono stati esonerati.

Apertura della riunione

Dopo aver fornito una panoramica generale dei punti all’ordine del giorno, il presidente Claude Pantaleoni ha spiegato perché dal 24 febbraio l’Europa è entrata in una nuova area di conflitto. Il periodo di pace che il nostro continente aveva preservato dal 1945 era finito. Per questo motivo, nelle ultime settimane, tutte le attività dell’associazione si sono concentrate sull’organizzazione degli aiuti umanitari inviati in Ucraina e sull’accoglienza delle famiglie ucraine rifugiate nella nostra Grande Regione. Claude Pantaleoni ha parlato delle molte difficoltà nel trovare persone disposte ad accogliere madri con i loro bambini, soprattutto quando queste persone hanno spazio. Ha poi fornito una panoramica delle attività svolte nel corso dell’anno 2021.

Relazione sulle attività nel 2021

La vendita dei calendari Ad Pacem 2021 è stata effettuata fino alla fine di gennaio 2021.

Il 15 e 16 aprile 2021, Ad Pacem ha organizzato la sua prima “Bike for climate – bike for peace”. Quindici partecipanti hanno pedalato da Città del Lussemburgo a Echternach, dove abbiamo visitato la villa gallo-romana e pernottato nell’ostello della gioventù. Domenica mattina, dopo la funzione religiosa e la visita alla cripta dove si trova il sarcofago di San Willibrord, i partecipanti hanno proseguito lungo la Sûre e la Mosella per tornare a Lussemburgo-Città in serata. L’obiettivo di questa gita era quello di motivare i giovani a interessarsi nuovamente alla bicicletta per i suoi benefici per la salute (in totale sono stati percorsi circa 110 km in due giorni) e a pensare ad alternative all’attuale dipendenza energetica.

La vicepresidente Natalya Pantaleoni ha poi spiegato come è stata finanziata l’operazione Igor. Quest’ultima consisteva nel finanziare la difficile e urgente operazione del giovane civile Igor, vittima degli scontri militari sulla linea del fronte tra separatisti russi e forze ucraine, nel maggio e giugno 2021. Ha ringraziato la grande generosità dei nostri soci.

In agosto, sei membri della nostra associazione hanno fatto la loro marcia per la pace in Bosnia-Erzegovina, dove si è svolta la guerra dei Balcani dal 1992 al 1995. L’obiettivo era quello di vedere nei musei e a contatto con i responsabili religiosi delle quattro comunità serba, croata, bosniaca ed ebraica come la pace viene vissuta giorno per giorno. Purtroppo, bisogna constatare che – anche se oggi non c’è la guerra – la convivenza rimane difficile e ogni comunità vive (piuttosto) separata dall’altra. La pace nei Balcani non è ancora stata raggiunta. Con stampe e foto scattate nelle città di Sarajevo, Mostar e Jablanica e con bellissime foto delle montagne bosniache, in autunno abbiamo prodotto il calendario Ad Pacem 2022, che è stato venduto fino alla fine di gennaio 2022.

Laurent Tran Van Mang ha poi raccontato la seconda edizione di “Bike for climate – bike for peace” del 9 ottobre, che questa volta ha visto la scoperta del sud-ovest del Lussemburgo. Una dozzina di soci è partita dalla stazione di Pétange la mattina verso le 9 per raggiungere Garnich all’ora di pranzo, per poi tornare a Pétange verso le 17, soddisfatti di questa corsa di 42 km.

Nel fine settimana del 15-16 ottobre, l’associazione ha invitato lo storico e ricercatore in scienze religiose Ihor Kozlovsky, che ha trascorso due anni (compresi sei mesi di torture) nelle prigioni dei separatisti filorussi nel Donbass. Abbiamo organizzato una serata di testimonianza a Lintgen e una conferenza pubblica nella casa parrocchiale di Mont-Saint-Martin, in Francia. Domenica 16 ottobre, presso la Chiesa di Notre-Dame di Villerupt (F), si è tenuto un concerto di beneficenza per la famiglia di Valery Nesodekin, che ha dovuto fuggire dal Donbass dove ha perso tutto dopo che il padre è stato rilasciato dalla prigione dei separatisti filorussi e la famiglia si è trasferita a Kiev.

A novembre abbiamo iniziato la vendita del calendario Ad Pacem 2022 nelle scuole, tra i nostri membri e nelle parrocchie della Grande Regione. Il ricavato della vendita sarà devoluto a un’organizzazione terapeutica per le donne bosniache vittime della guerra del 1992-1995. Queste donne continuano a sottoporsi a terapie segrete per “liberarsi” dagli abusi subiti durante la guerra. Non possono parlarne in famiglia e nei villaggi senza rischiare di essere ripudiati. D’altra parte, abbiamo deciso di sostenere un progetto presso la facoltà teologica cattolica di Sarajevo: offriremo tre borse di studio agli studenti che decideranno di seguire due semestri aggiuntivi di studi interculturali e interreligiosi dopo la magistrale. L’obiettivo è promuovere gli operatori di pace in Bosnia.

Relazione finanziaria 2021

Il tesoriere Christian Welter ha quindi presentato la relazione finanziaria dettagliata per l’anno 2021.

Natalya Pantaleoni ha spiegato come e con quali importi abbiamo finanziato gli studi dei nostri sette borsisti in Ucraina e come abbiamo sostenuto finanziariamente tre malati durante l’anno 2021.

Relazione della verifica di cassa 2021

La relazione finanziaria per il 2021 è stata controllata e approvata dal revisore dei conti Patrice Picart qualche giorno prima, poiché questi non ha potuto partecipare alla nostra assemblea generale per malattia.

Attività attuali e future 2022

Abbiamo concluso la nostra quinta assemblea generale spiegando la nostra presenza, durante il mese di marzo 2022, alle manifestazioni che si sono svolte in Lussemburgo (Città del Lussemburgo) e in Francia (Metz, Jarny) contro la guerra russa in Ucraina. I signori Pantaleoni hanno presentato le prime famiglie di rifugiati ucraini che abbiamo accolto e cercato di collocare in famiglia.

Claude Pantaleoni ha invitato tutti a partecipare alla conferenza che Galia Ackerman terrà sabato 7 maggio 2022 alle ore 15.00 al 39o Salon du Livre et des Cultures di Lussemburgo-Città (presso il CEPA di Hollerich). Il tema sarà: “Quale politica pacifica per l’Europa di fronte all’aggressione militare russa contro l’Ucraina?”

Varie ed eventuali

Claude Pantaleoni ha spiegato perché gli ultimi cinque anni e lo scoppio della guerra in Ucraina hanno portato il consiglio direttivo a riscrivere una nuova carta dei progetti e degli obiettivi dell’associazione, disponibile sul sito web.

L’ultima parola è spettata al presidente, che ha ringraziato il buon lavoro e l’impegno volontario di tutta la sua squadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.