La guerra della Russia contro l’Ucraina

Cosa facciamo – cronologia

Questa sezione offre una panoramica cronologica di ciò che abbiamo fatto dal 24 febbraio 2022: i nostri interventi sui media, la nostra partecipazione alle manifestazioni contro l’occupazione militare russa, l’invio di aiuti ai rifugiati in Ucraina, l’accompagnamento delle famiglie di rifugiati.

– 15 aprile 2024

lo stesso giorno, a Kiev, sono stati acquistati farmaci per i soldati e i civili che soffrono di traumi di guerra e che sono in cura presso l’ospedale di Vorzel in Ucraina.Il denaro proviene da una sovvenzione della città di Differdange (L)


– 30 marzo e 4 aprile 2024

il 30 marzo sono stati inviati dal Lussemburgo indumenti, lenzuola, antisettici e medicazioni. Il 4 aprile sono stati ricevuti al centro rifugiati di Dnipro e distribuiti ai bisognosi.


– 23 e 28 marzo 2024

il 23 marzo sono state mandate da Lussemburgo medicazioni post-operatorie, antisettici, nutrizione enterale, cuscino ortopedico e attrezzature per persone costrette a letto. Questi sono stati ricevuti all’ospedale di Kharkiv il 28 marzo.


– Metà-fine gennaio 2024

Produzione di candele da trincea da parte dei bambini di Berezhany. La paraffina per le candele è stata acquistata dalla nostra associazione in Ucraina. Una volta prodotte, le candele sono state consegnate alla fine di gennaio ai soldati al fronte.Nelle trincee, vengono utilizzate per riscaldare il cibo, scaldare le mani infreddolite, fornire un po’ di luce, asciugare piccoli indumenti, ecc. 


– 3 e 17 febbraio 2024: il 3 febbraio sono stati inviati dal Lussemburgo al centro per rifugiati interni di Dnipro una sedia a rotelle, un deambulatore, un tavolo da appendere accanto al letto del paziente, lenzuola, coperte e medicinali. L’aiuto è arrivato il 17 del mese.


5 gennaio 2024: Oleksadr P., medico al fronte vicino a Bahmut, ha ricevuto dalla nostra associazione un gilet antiproiettile e una cintura di protezione. Già il 18 gennaio, quando uscì per soccorrere i feriti, fu ferito solo leggermente alla mano e fu operato all’ospedale di Poltava. È rimasto in vita grazie alla protezione ricevuta qualche giorno prima.Sua moglie ci ha scritto una lettera di ringraziamento: “Avete salvato il padre dei nostri figli”. Mentre Oleksandr era in ospedale, è nata la sua terza figlia, una bambina”.


– 5 gennaio 2024: i rifugiati interni del centro profughi di Dnipro hanno ricevuto il nostro aiuto: lenzuola e vestiti invernali inviati dal Lussemburgo il 23 dicembre.


– 30 dicembre 2023: la nostra associazione Ad Pacem ha finanziato un’operazione chirurgica per la giovane studentessa Maria S. Le è stato rimosso un tumore dalla gamba sinistra. Si trattava di una forma anomala di varicosi. Maria e sua madre Inga desiderano ringraziare tutti i membri di Ad Pacem per il loro aiuto. Nella sua lettera, Inga scrive: “Siamo rifugiati interni di Kramatorsk e attualmente viviamo in un ostello a Kropivnyckij (Ucraina centrale). Abbiamo perso la nostra casa a Kramatorsk (a causa della guerra). Mia figlia ora studia a distanza all’Università di Odesa. Nell’estate del 2023 si è formato un tumore sulla gamba sinistra sotto il ginocchio e durante una visita sono state scoperte delle vene varicose. Il medico consigliò di rimuoverle chirurgicamente. Ma il costo dell’operazione era troppo alto per me che sto crescendo mia figlia da sola. Grazie all’aiuto di Ad pacem, questa operazione necessaria è stata possibile. E mia figlia sarà di nuovo in salute”.


– Il 18 e 25 novembre e il 2 dicembre 2024 sono state inviate dal Lussemburgo diverse spedizioni di giocattoli e regali ai centri per rifugiati di Dnipro e Berzhany. I pacchi sono arrivati a Dnipro il 22 e il 29 novembre e a Berezhany il 5 dicembre, giusto in tempo per la festa di San Nicola e il Natale.


Il team di medici dell’ospedale da campo che ha ricevuto i nostri elmetti e gilet antiproiettile all’inizio di aprile 2023 comprendeva anche Oleg, un infermiere di primo soccorso. Il 6 dicembre 2023, Oleg ci ha inviato un messaggio di testo e delle foto di se stesso in ospedale. 
Nel suo messaggio ha scritto: “All’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, io, come molti miei colleghi di scuola, ho cambiato classe e sono andato al fronte come infermiere di primo soccorso per aiutare i nostri soldati a liberare il nostro Paese dagli invasori russi”. Il 1° dicembre 2023, mentre trasportavamo i soldati feriti dal campo di battaglia, siamo finiti sotto il fuoco. Sono stato colpito dai proiettili, ma mi sono salvato grazie all’aiuto di Dio e all’elmettot e al gilet antiproiettile che mi avete comprato. Vi prego di accettare i miei più sinceri ringraziamenti in occasione di oggi, festa di San Nicola, e auguro a tutti voi una lunga vita!”


Inviato il 18 e ricevuto il 29 novembre 2023: il nostro aiuto per i rifugiati interni a Dnipro: lenzuola, coperte e cuscini, indumenti caldi, medicinali vari.


Inviato dal Lussemburgo il 25 novembre e ricevuto il 6 dicembre 2023 a Kharkiv: medicazioni, antidolorifici, disinfettanti, ortesi per ginocchia, mani e piedi, alimentazione enterale, stampelle.


14 novembre 2023. Il 30 ottobre 2023, l’ospedale psichiatrico di Vorzel, in Ucraina, ha ricevuto i farmaci acquistati grazie alle donazioni ricevute a seguito del nostro appello nella Newsletter 27. L’ospedale ha ricevuto antidepressivi, neurolettici, anticonvulsivanti, antotici e ansiolitici.


Inviati dal Lussemburgo il 23 settembre e ricevuti il 10 ottobre 2023: vestiti, scarpe, coperte e biancheria intima per il centro profughi di Dnipro, che sosteniamo dall’inizio della guerra.


Le bende, gli antidolorifici e gli antisettici, le ortesi per le ginocchia e le braccia, le lenzuola, i pannoloni per gli allettati, le giacche chirurgiche e le mascherine sono state inviate dal Lussemburgo il 23 settembre e sono state ricevute dall’ospedale di Kharkiv il 5 ottobre 2023.


1 settembre 2023: l’ospedale psichiatrico di Vorzel (regione di Kiev) ha ricevuto i farmaci per la cura delle vittime di guerra. I medicinali sono stati acquistati con i fondi che la nostra associazione Ad Pacem ha ricevuto in agosto in Italia, in occasione dei due concerti di beneficenza a Serra Sant’Abbondio e Pergola e dell’appello alle donazioni presso il convento francescano di Ostra Vetere.


3 luglio 2023: l’ospedale psichiatrico di Vorzel (a nord di Kiev), dove la maggior parte dei pazienti soffre di gravi traumi causati dalla guerra, riceve i farmaci necessari per 1.000 euro.


2 luglio 2023: Valerij Nedosekin, ex prigioniero nel carcere di tortura della DNR (Repubblica Popolare di Donetsk), riceve da Ad Pacem i farmaci necessari per il suo trattamento medico.


26 giugno 2023:  Vasyli S., di un villaggio dell’Ucraina centrale, riceve la sedia a rotelle donata da un membro di Ad Pacem.


31 maggio 2023: la nostra coordinatrice dell’ospedale di Kharkiv Susanna Aksenkova riceve il fonendoscopio che Ad Pacem ha finanziato per lei.


13 maggio invio dal Lussemburgo e 19 maggio 2023 ricezione all’ospedale di Kharkiv, terapia intensiva, di assorbenti monouso, assorbenti igienici e pannolini per persone costrette a letto. 


Dal marzo 2023, Ad Pacem sostiene la casa di accoglienza per bambini Misto Dobra (Città della Bontà) di Chernivtsi (Ucraina occidentale), dove il centro ospita 400 rifugiati di guerra, tra cui 150 bambini provenienti da orfanotrofi. Si tratta di bambini dalla nascita ai 7 anni. Dall’inizio della guerra, sono state accolte anche madri con bambini provenienti dalle zone di guerra. Inoltre, sono state evacuate tre case di accoglienza per bambini da Odessa e Mykolaiv.
Fino a metà maggio 2023 sono stati finanziati 10 letti per bambini, 10 comodini per bambini con fasciatoio, 5 depuratori d’aria e un pulitore a vapore Kärcher.


8 aprile invio e 14 aprile 2023 ricezione dei nostri aiuti nel Centro per rifugiati di Dnipro:prodotti per l’igiene e attrezzature per neonati; biancheria, vestiti e scarpe per neonati e bambini. 


5 aprile 2023: i medici che sosteniamo sono attualmente nell’ospedale da campo mobile vicino a Kramatorsk. Hanno ricevuto tre gilet antiproiettile con piastre di protezione di 6a generazione (di migliore qualità),tre elmetti con protezioni per le orecchie e tre paia di stivali.


17 marzo 2023: all’ospedale di Kharkiv, i responsabili ricevono le otto scatole con le sacche per l’alimentazione con sondinoinviate l’11 marzo dal Lussemburgo.


11 marzo 2023: spedizione dal Lussemburgo: 2 sedie a rotelle, 5 deambulatori, parti di letto per persone costrette a letto per rialzarsi, ortesi, sedie da toilette, stampelle, bastoni, bendaggi, antisettici, antidolorifici, siringhe monouso di varie dimensioni, cateteri e medicinali vari.


23 febbraio 2023: ricevimento nell’ospedale di Kramatorsk dei farmaci (antidolorifici, per malattie vascolari e insufficienza cardiaca,emostatici, per la regolazione della pressione sanguigna, per la regolazione del cervello e altri) acquistati in Ucraina con i fondi inviati dalla nostra associazione.


11 febbraio 2023: Invio di vestiti caldi, scarpe, coperte, biancheria intima, prodotti per l’igiene dei bambini; Tutto questo è stato ricevuto il 16 febbraio a Dnipro, presso il Centro di accoglienza per rifugiati e sfollati.


28 gennaio 2023: ricevimento dei nostri aiuti sotto forma di antibiotici, antidolorifici e cateteri post-operatori presso l’ospedale di Kharkiv.


15 gennaio 2023: Nell’ospedale da campo dietro la linea del fronte, i medici ricevono i medicinali inviati dal Lussemburgo alla fine di dicembre 2022.


23 dicembre 2022: i bambini delle famiglie rifugiate della parrocchia greco-cattolica di Dnipro ricevono i regali di Natale che abbiamo inviato loro.


18 dicembre 2022: 9 sacchi a pelo (-15°) e due giubbotti antiproiettile arrivano all’ospedale da campo dietro la linea del fronte


11 dicembre 2022: il concerto di beneficenza dell’Avvento, organizzato dalle Suore Francescane della Misericordia di Belair (L), è stata quest’anno a beneficio dell’associazione “Ad Pacem servandam”. Prima del concerto, la vicepresidente ha presentato le attività e i progetti dell’associazione. Dopo il concerto le suore hanno donato il ricavato alla nostra associazione per sostenere la squadra di medici volontari nell’ospedale da campo vicino al fronte nella regione di Kharkiv.


inizio dicembre 2022: foto di operazione di emergenza  nell’ospedale da campodietro il fronte ucraino e video di ringraziamento dei medici che hanno ricevuto il nostro aiuto 


27 novembre 2022: quattro grandi scatole vengono inviate dal Lussemburgo all’ospedale da campovicino al fronte ucraino con bende,materiale disinfettante e otto sacchi a pelo (-15°).Tutto è arrivato in ospedale il 3 dicembre.


19 e 28 novembre 2022: spedizione dal Lussemburgo e ricevimento all’ospedale di Kharkiv: materiale di medicazione, cateteri, vari medicinali e disinfettanti per la cura dei feriti; due materassi ad aria, guanti e maschere chirurgiche e biancheria termica per i medici dell’ospedale da campo vicino al fronte di Guerra


17 novembre 2022: ricevimento a Dnipro, in un centro per rifugiati, delle donazioni inviate il 12 novembre dal Lussemburgo.
Le persone hanno ricevuto vestiti caldi e coperte per l’inverno.


3 novembre 2022: arrivo a Kharkiv dei nostri aiuti per i medici dei servizi di ambulanza (bende, disinfettanti, antidolorifici, maschere Covid, camici per medici, siringhe monouso) inviati dal Lussemburgo il 25 ottobre


20 ottobre 2022: sei famiglie ricevono cibo e prodotti per l’igiene, vestiti caldi, lenzuola e coperte.


13 ottobre 2022: Susanna Aksenkova, studentessa di medicina, borsista dell’associazione Ad Pacem dal 2017, viene intervistata il giorno prima del suo ritorno a Kharkiv dal giornalista Thierry Georges di Radio Jéricho Metz.


10 ottobre 2022: invio di aiuti ai rifugiati di Pidgorodne (vicino a Dnipro) provenienti dalle regioni occupate dai russi nell’Ucraina orientale e meridionale.


9 settembre 2022: il “Centro di accoglienza per i rifugiati” della città di Pidgorodne (vicino a Dnipro) ospita attualmente oltre tremila rifugiati. Il numero è in costante aumento a causa dell’arrivo di rifugiati dal sud dell’Ucraina occupato dall’esercito russo. Con i soldi inviati dalla nostra associazione Ad Pacem sono stati acquistati:uno scaldabagno con pompa per inviare l’acqua calda ai vari bagni, un forno a microonde e un frigorifero (300 litri) con una parte congelatore.Il denaro proviene dall’appello alle donazioni lanciato durante il mese di luglio nel comune di Differdange (L) e da un concerto di solidarietà organizzatoil 24 agosto 2022 nella piccola cittadina di Serra Sant Abbondio nella regione Marche.


24 agosto 2022: un “concerto di solidarietà” è stato organizzato da “Ad Pacem servandam” nella chiesa parrocchiale di Serra Santa Abbondio (Italia) a favore dei rifugiati di Dnipro. Laura e Daniel Pantaleoni hanno presentato un repertorio di musica classica e romantica, e il sindaco Ludovico Caverni ha sostenuto il lavoro di Ad Pacem per le vittime della guerra nelle sue parole introduttive. Durante la pausa, il presidente e il vicepresidente hanno spiegato gli obiettivi dell’iniziativa di pace e come vengono aiutate le vittime di guerra. Alla fine del concerto, tutti hanno partecipato a un aperitivo amichevole.


8 agosto 2022 : i medici di Charkiv ricevono cinque gilet protettivi e quattro dispositivi che li aiutano a comunicare meglio tra loro durante i combattimenti vicino alla linea del fronte.


30 luglio 2022: aiuti materiali per l’ospedale di Kharkiv. Invio di materiale di medicazione, bende israeliane, tubi di respirazione e dodici sacchi a pelo per i medici di Kharkiv che prestano assistenza medica in prima linea. Hanno ricevuto la nostra spedizione il 5 agosto 2022.


30 luglio 2022: aiuti materiali per la difesa territoriale a Kramatorsk. Consegna di medicinali, materiale di medicazione vario, coperte di emergenza e disinfettanti a Kramatorsk per le unità della Difesa territoriale. Il tutto è stato donato da SIVEC – Centro di riciclaggio di Schifflange (L)  e ricevuto a Kramatorsk il 4 agosto 2022.


23 luglio 2022 : aiuti alle famiglie del Donbass. Invio di varie forniture di soccorso (coperte, scarpe, biancheria, articoli per l’igiene) per le famiglie in fuga dal Donbass e dal sud dell’Ucraina occupato dall’esercito russo. Gli articoli di soccorso sono arrivati a Dnipro il 27 luglio.


3 luglio 2022: Fiera di Serrouville. I responsabili dell’associazione di St Martin (Patrice Picard e Jacky Bourcier) hanno invitato le famiglie di rifugiati ucraini che Ad Pacem cura e accompagna a mangiare insieme alla fiera annuale di Serrouville.


1 luglio 2022: appello per donazioni per gli aiuti all’Ucraina. Questo è stato messo nelle cassette della posta degli abitanti del comune di Differdange (L) dall’ente responsabile del comune.


22 giugno 2022: programma radiofonico su Radio Jericho (18/19) di Thierry Georges con Galia Ackerman sul regime di Putin e la guerra in Ucraina.


18 giugno 2022: conferenza con Galia ACKERMAN, giornalista, storica e specialista della Russia e dei Paesi post-sovietici, sul tema “Capire la Russia di Putin e la guerra in Ucraina”. Leggi l’articolo del giornalista Quiqueret Jérôme nel tageblatt del 22 e 23 giugno.


6 giugno 2022: consegna dei materiali all’ospedale di Stryj. Con le donazioni ricevute in seguito al nostro appello nella comunità di Steinsel, sono stati acquistati e installati nell’ospedale di Stryj (Ucraina occidentale) una cucina con forno e scaldabagno integrati e tutta la biancheria per i 90 letti per gli orfani di Zaporijia e per i malati dell’ospedale.


25-28 maggio 2022: consegna dei soccorsi a Zaporijia. Grazie ai nostri appelli alle donazioni dal 2 all’8 marzo 2022 (Notiziario n. 15 e 16), due minibus potranno distribuire generi di soccorso alle vittime della guerra nei pressi di Zaporijia. Le foto mostrano anche case distrutte dalla guerra.


20 maggio 2022: aiuti medici per l’ospedale di Kharkiv. Il medico Oleksiy U. e la sua infermiera ricevono le nostre forniture mediche all’ospedale di Charkiv.


13 maggio 2022: terza trasmissione a Radio Jericho Metz con i rifugiati accompagnati da Ad Pacem.

ARVE Error: need id and provider

10 maggio 2022: l’ospedale di Charkiv riceve le sei scatole di medicinali inviate dalla nostra organizzazione; contengono disinfettanti, bende e coperte di emergenza.


5 maggio 2022: seconda trasmissione su Radio Jericho Metz con i rifugiati accompagnati da Ad Pacem.

ARVE Error: need id and provider

5 maggio 2022: trasmissione su Radio ARA degli studenti Amir, Noah e Edvin del Lycée de Garçons Esch (L) che intervistano una rifugiata ucraina sulla guerra nel suo Paese.


28 aprile 2022: prima trasmissione su Radio Jericho Metz con i rifugiati accompagnati da Ad Pacem.

ARVE Error: need id and provider

28 aprile 2022: lettera di ringraziamento a tutti i donatori per i 16.942 euro ricevuti in seguito agli appelli alle donazioni del 2 e 8 marzo.


21 aprile 2022: con il denaro inviato a Rostyslav Muhovskyj, un furgone carico di cibo parte per la città di Zaporiya.


20 aprile 2022: con i soldi dell’appello vengono acquistati generi alimentari e inviati a Charkiv e Zaporizia.


20 aprile 2022: i medicinali che abbiamo inviato sono arrivati all’Ospedale della Difesa Territoriale di Kharkiv e Zaporizia.


19 aprile 2022: Lycée de Garçons d’Esch-sur-Alzette (L): la vendita di torte per i rifugiati ucraini ha fruttato 1200€.


Dal 10 al 18 aprile 2022: appello alle donazioni nel comune di Steinsel (L).


Dall’1 al 15 aprile 2022: distribuzione di cibo inviato nei pressi di Leopoli ai rifugiati di guerra ucraini provenienti dalle città bombardate dell’est del Paese.


10 aprile 2022: medicinali, articoli per l’igiene e tre letti pieghevoli inviati in Ucraina e ricevuti da padre Rostyslav Muhovskyj l’11 aprile.


Settimana dal 4 all’8 aprile 2022: corso introduttivo di francese per rifugiati ucraini offerto da Christian Welter, segretario di Ad Pacem.


2 aprile 2022: arrivo della famiglia di rifugiati Bovniuk (3 persone)


27 marzo 2022: arrivo e accoglienza delle famiglie rifugiate Lykova (2 persone) e Mihajlenko (4 persone)


17 marzo 2022: arrivo della famiglia di rifugiati Ankudinova (5 persone)


15 marzo 2022: arrivo del giovane rifugiato di guerra Vladislav.


14, 15 e 16 marzo 2022: sul  giornale “tageblatt” (L) appaiono tre articoli su una famiglia di rifugiati accolta da Ad Pacem.


Dal 14 marzo 2022 fino alle vacanze di Pasqua: Vendita di torte presso il liceo LGE (L) a favore delle vittime della guerra in Ucraina.


13 marzo 2022: arrivo dell’autobus con i nostri beni di soccorso al valico di frontiera ucraino di Shehyni; la raccolta viene ricevuta.


11 marzo 2022: arrivo della famiglia Aksenkova.


dal 7 al 10 marzo 2022: raccolta di medicinali, cibo, coperte, lenzuola, vestiti, ecc.; la società Vandivinit mette a disposizione un piccolo autobus per portare tutto in Ucraina


8 marzo 2022: arrivo di due madri con i loro quattro figli (famiglia Sutkova e Satornik)


8 marzo 2022 : RCF Radio Jerico Moselle – Intervista di Thierry Georges nel 18/19 con Natalya e Claude Pantaleoni


8 marzo 2022 : Newsletter n. 16 – Richiesta di aiuto

Ces derniers jours la situation de guerre s’est dramatiquement empirée en Ukraine. Des millions d’Ukrainiens sont sur les routes et beaucoup d’autres se préparent à fuir les bombardements russes sur les centres habités et sur les populations civiles.

Vous pouvez aider des deux manières suivantes :

  1. Beaucoup de réfugiés arrivent chez nous avec toute leur famille, parfois avec leur chat ou leur chien.

Nous cherchons des familles ou des personnes qui sont prêtes à accueillir chez elles ou dans une de leurs maisons/appartements libres des familles composées :

  • d’une mère avec deux ou trois enfants, ou bien
  • d’un couple avec leurs deux ou trois enfants, ou bien
  • une famille avec une personne âgée.

Veuillez nous écrire sur [email protected] si vous voulez et avez une possibilité d’accueillir une telle famille.

  1. Nous organisons aussi en ce moment l’aide en Ukraine avec un prêtre grec-catholique et sa communauté. Lui-même reçoit de la part de médecins qui travaillent dans les hôpitaux une liste des médicaments indispensables pour soigner les malades et les blessés.
    Nous lui envoyons l’argent nécessaire via WesternUnion pour qu’il achète ces médicaments dans les pharmacies. Une partie de l’argent est destinée à acheter les vivres pour les réfugiés internes dans les magasins.

Notre compte IBAN LU28 0099 7800 0064 0276
est à la Caisse Rurale Raiffeisen (CCRALULL) au Luxembourg.

Un grand merci pour votre aide aux réfugiés et blessés de la guerre en Ukraine.

Claude Pantaleoni
Président


6 marzo 2022 : Arrivo della famiglia Kuznetzova (4 persone con gatto).


6 marzo 2022: raccolta per gli aiuti all’Ucraina grazie a Nicolas.


5 marzo 2022: arrivo della famiglia Semianystyi (6 persone con cane e gatto) a Differdange (L).


4 marzo 2022: i dirigenti del Centro di riciclaggio SIVEC a Schifflange (L) donano materiale per gli aiuti umanitari.


2 marzo 2022: Newsletter 15 – Appello a tutti i membri di Ad Pacem per sostenere i rifugiati di guerra nell’Ucraina occidentale

En tant qu’association Ad Pacem nous organisons en ce moment une aide humanitaire pour les (réfugiés) Ukrainiens qui se trouvent dans l’ouest du pays.
Vous pouvez aider concrètement des deux manières suivantes:

  1. La guerre fait que du matériel et des médicaments de première nécessité manquent. Si vous avez du matériel et/ou des médicaments, des pansements et des instruments de la liste ci-jointe, vous pouvez les déposer ce jeudi ou ce vendredi de 16h00 à 19h30 à ces trois adresses:
  • 16 route d’Errouville, 54680 Crusnes (France)
  • 76 rue Henri Bessemer, 4516 Differdange (Luxembourg)
  • 21 rue Henri Luck, 3737 Rumelange (Luxembourg)
  1. Vous pouvez faire un don sur notre compte avec mention « don vivres et médicaments ». L’argent sera envoyé à nos partenaires sur place pour acheter des vivres et des médicaments aux marchés et dans les magasins en Ukraine de l’ouest. Certains médicaments qui ne seraient pas disponibles là-bas seront achetés ici.
    Ces médicaments et ces vivres sont destinés aux réfugiés qui arrivent des grandes villes exposées à des bombardements russes intenses.


IBAN: LU28 0099 7800 0064 0276
BIC : CCRALULL (Banque Raiffeisen Luxembourg)

Nous vous remercions d’avance pour votre aide et générosité !
N’hésitez pas à partager cette newsletter avec vos amis !

Claude Pantaleoni
Président

File Name: NL-15-Liste.pdf


27 febbraio 2022: manifestazione per l’Ucraina a Metz.

Natascha parla davanti al municipio


27 febbraio 2022: vengono organizzati gli aiuti umanitari.

I nostri primi pacchetti di aiuti umanitari

All’indomani dell’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo, abbiamo lanciato un appello agli amici affinché inviassero lenzuola, cuscini e coperte, oltre a trapunte e coperte per quattro letti.

Il tutto è partito domenica 27 febbraio da Città del Lussemburgo come spedizione umanitaria verso l’Ucraina occidentale, in una casa dove erano arrivati i rifugiati dalle città attaccate e bombardate dall’esercito russo.


26 febbraio 2022: intervista a “Républicain Lorrain” (F)

File Name: repu_lor.pdf


26 febbraio 2022: partecipazione di Ad Pacem alla manifestazione per l’Ucraina nella città di Lussemburgo.


26 febbraio 2022: intervista al quotidiano “tageblatt” (L)

File Name: TGB-Ukraine.pdf

Azioni di sostegno all’Ucraina, La guerra della Russia contro l’Ucraina

Metà-fine gennaio 2024

Produzione di candele da trincea da parte dei bambini di Berezhany. La paraffina per le candele è stata acquistata dalla nostra associazione in Ucraina. Una volta prodotte, le candele sono state consegnate alla fine di gennaio ai soldati al fronte.Nelle trincee, vengono utilizzate per riscaldare il cibo, scaldare le mani infreddolite, fornire un po’ di luce, asciugare piccoli indumenti, ecc. 

Azioni di sostegno all’Ucraina, La guerra della Russia contro l’Ucraina

5 gennaio 2024: Oleksadr P., medico al fronte vicino a Bahmut, ha ricevuto dalla nostra associazione un gilet antiproiettile e una cintura di protezione. Già il 18 gennaio, quando uscì per soccorrere i feriti, fu ferito solo leggermente alla mano e fu operato all’ospedale di Poltava. È rimasto in vita grazie alla protezione ricevuta qualche giorno prima.Sua moglie ci ha scritto una lettera di ringraziamento: “Avete salvato il padre dei nostri figli”. Mentre Oleksandr era in ospedale, è nata la sua terza figlia, una bambina”.

Azioni di sostegno all’Ucraina, La guerra della Russia contro l’Ucraina

30 dicembre 2023: la nostra associazione Ad Pacem ha finanziato un’operazione chirurgica per la giovane studentessa Maria S. Le è stato rimosso un tumore dalla gamba sinistra. Si trattava di una forma anomala di varicosi. Maria e sua madre Inga desiderano ringraziare tutti i membri di Ad Pacem per il loro aiuto. Nella sua lettera, Inga scrive: “Siamo rifugiati interni di Kramatorsk e attualmente viviamo in un ostello a Kropivnyckij (Ucraina centrale). Abbiamo perso la nostra casa a Kramatorsk (a causa della guerra). Mia figlia ora studia a distanza all’Università di Odesa. Nell’estate del 2023 si è formato un tumore sulla gamba sinistra sotto il ginocchio e durante una visita sono state scoperte delle vene varicose. Il medico consigliò di rimuoverle chirurgicamente. Ma il costo dell’operazione era troppo alto per me che sto crescendo mia figlia da sola. Grazie all’aiuto di Ad pacem, questa operazione necessaria è stata possibile. E mia figlia sarà di nuovo in salute”.

Azioni di sostegno all’Ucraina

Intervista con la signora Tetyana PONOMARENKO, direttrice della clinica psichiatrica di VORZEL (regione di Kyiv), condotta il 2 luglio 2023 da Natalya PANTALEONI, vicepresidente di “Ad Pacem servandam – Per la pace e contro la guerra”

Signora Ponomarenko, quali sono i compiti e le terapie di questo ospedale psichiatrico prima della guerra iniziata il 24 febbraio 2022?

Fin dalla sua fondazione, l’ospedale psichiatrico N.2 di Vorzel ha avuto il compito di soddisfare le esigenze della popolazione di Kyiv e della regione di Kyiv in termini di trattamento e assistenza psichiatrica. L’ospedale ha un totale di otto reparti, i più importanti dei quali sono: per i bambini e gli adolescenti, per le persone con la sindrome di Down, per le persone autistiche, per le persone con disturbi psico-comportamentali e per quelle con ritardi nello sviluppo mentale. Un’unità è stata progettata per aiutare i malati dipendenti dall’alcol. 

Quante persone traumatizzate dalla guerra e provenienti da zone di guerra sono attualmente in cura in questa clinica? Come sono cambiati questi compiti dall’inizio della guerra? Quanti dipendenti e volontari lavorano qui?

Dal 2017 l’ospedale si è specializzato nell’offrire aiuto ai veterani che hanno subito danni psicologici a causa dei combattimenti militari nel Donbass. La maggior parte dei pazienti soffre di traumi causati dalla guerra di aggressione russa. Sono soldati che hanno combattuto al fronte e che non riescono ad affrontare la terribile realtà della guerra: hanno dovuto uccidere persone o sperimentare la morte di amici senza poterla impedire. Tra i pazienti ci sono soldati che si sentono costretti dalla società ad andare in guerra, mentre altri sono stati risparmiati dalla guerra al fronte. Ci sono anche soldati che hanno sperimentato la prigionia e la tortura, e altri i cui familiari sono stati vittime di violenza sessuale. Infine, ci sono pazienti che, a causa della loro incapacità di affrontare da soli il trauma, precipitano nelle dipendenze da droghe e alcol. Queste persone soffrono soprattutto di depressione profonda, ansia e disturbi psicosomatici.

L’ospedale può ospitare un massimo di 300 pazienti e circa 45-50 dovrebbero poter essere trattati come pazienti ambulatoriali, cioè vengono durante il giorno e passano la notte a casa. Attualmente l’ospedale ha 16 medici, 34 infermieri e 16 dipendenti (segretaria, cuochi, autisti di ambulanze, operai, servizio di pulizia). Oggi il personale è sovraccarico di lavoro e chiaramente sotto organico, poiché l’ospedale ospita più pazienti di quanti ne siano previsti dalle infrastrutture. Quando è iniziata la guerra di aggressione russa nel febbraio 2022, l’ospedale ha accolto 62 pazienti provenienti dall’ospedale psichiatrico di Charkiv. È stato necessario evacuarli da Charkiv. Poiché l’ospedale psichiatrico di Charkiv non è stato riaperto dopo l’attacco russo alla città, tutti i pazienti sono rimasti a Vorzel per il momento. Durante il fine settimana, solo uno psichiatra è di turno per tutti i 300 pazienti.

Tuttavia, i volontari si recano all’ospedale per offrire il loro aiuto. Si tratta per lo più di studenti di psicologia e di medicina che non possono assumersi responsabilità nel trattamento, e le opportunità di impiego sono quindi limitate. Fino all’inizio della guerra, l’ospedale disponeva di un reparto pediatrico. Ora è chiuso.

Al momento non ci sono bambini in ospedale, perché le famiglie preferiscono tenerli con sé o vengono come pazienti ambulatoriali.

I membri di un club cinofilo di Kyjiv vengono regolarmente con i loro cani per aiutare i medici nella canisteria con i malati.

Quali sono le principali malattie e disturbi mentali dei pazienti civili e dei soldati che arrivano qui dal fronte?

La legge non consente a noi responsabili di pubblicare dati statistici precisi sui nostri pazienti. Ma è un dato di fatto che dal 2015 questo ospedale si è specializzato nella cura dei veterani di guerra.

Con quali aspettative) queste persone si sono arruolate in guerra? Queste speranze sono false alla luce di ciò che attende i soldati lì?

La storia personale di ogni persona è diversa. Molti patrioti si sono arruolati in guerra per difendere il proprio Paese. Solo che la realtà che attende i soldati al fronte è molto più crudele di quanto potessero immaginare.

 Questi uomini e queste donne erano preparati alla guerra?

No, in generale si può dire che la gente non era affatto preparata alla guerra. Fino al giorno del massiccio attacco russo, nessuno credeva davvero che una cosa del genere fosse possibile. Lo shock tra gli ucraini è stato ancora più grande.

Questa clinica ha abbastanza personale qualificato per le terapie?

C’è una mancanza di personale, soprattutto di personale formato nel campo dei traumi di guerra. Alcuni dei consulenti stessi soffrono di burnout. Mancano anche i farmaci; le quote garantite dal governo sono state ridotte, anche se l’ospedale ha bisogno di molti più farmaci in questo periodo di guerra.

Cosa fanno questi uomini e queste donne dopo la terapia?

I pazienti civili tornano alla società civile dopo il trattamento. Purtroppo, il numero di ricadute è elevato. Ciò è dovuto al fatto che la guerra continua e che quasi ogni giorno ci sono forti sirene antiaeree. Ogni giorno arrivano notizie tragiche.  Dopo il trattamento, la maggior parte dei soldati torna al fronte.

 Quali sono le sfide materiali e di personale che la clinica deve affrontare oggi?) Cosa manca soprattutto?

Mancano soprattutto i medicinali e le attrezzature mediche e materiali necessarie. Durante l’occupazione russa, tutti i computer e le attrezzature mediche sono stati rubati o distrutti. Il sistema di riscaldamento è stato gravemente danneggiato. Sono stati rubati persino i mestoli e le posate della cucina. Le enciclopedie mediche nell’ufficio del direttore sono state bruciate. Diversi reparti dell’ospedale hanno bisogno di essere ristrutturati. In molte stanze in cui le finestre e le porte sono state strappate durante l’occupazione sono cadute neve e pioggia, per cui i pavimenti sono danneggiati e in molti punti è comparsa la muffa. È necessario sostituirli con urgenza. La piccola serra in cui i pazienti coltivavano le proprie verdure, che fa parte delle terapie, è stata distrutta.

La clinica riceve aiuti dall’estero? In che misura i bisogni della clinica sono coperti da questi aiuti?

In primo luogo, sono i cittadini ucraini ad aiutare dopo la liberazione di Vorzel e il ritorno dei degenti all’ospedale. Alcuni agricoltori delle vicinanze portano prodotti caseari e cibo. I club sportivi di Kyjiv hanno aiutato a pulire e, per quanto possibile, a riparare gli edifici dopo l’occupazione.

Un’organizzazione tedesca ha fatto una donazione in denaro per acquistare medicinali. Queste dovrebbero durare fino alla fine del 2023. Ma i bisogni reali sono aumentati così rapidamente che questi pacchetti di aiuti sono stati esauriti nel corso di soli 3 mesi.

Quando la signora Pantaleoni ha chiesto se “Ad Pacem” poteva aiutare subito con una donazione per l’acquisto di medicinali, alla direttrice sono venute le lacrime agli occhi. Ha confessato che al momento, in molte zone, la clinica aveva a disposizione farmaci solo fino alla fine della settimana in corso. Ha accettato con gratitudine l’offerta per l’acquisto immediato di un pacchetto di aiuti da 1.000 euro (da vedere sul sito web sotto il titolo “La guerra della Russia contro l’Ucraina”, 3 luglio 2023).

La signora Tetyana Ponomarenko con Natalya Pantaleoni e nostro rappresentante in Ucraina Anatoly Kmetko.

Azioni di sostegno all’Ucraina, La guerra della Russia contro l’Ucraina

1 settembre 2023: l’ospedale psichiatrico di Vorzel (regione di Kiev) ha ricevuto i farmaci per la cura delle vittime di guerra. I medicinali sono stati acquistati con i fondi che la nostra associazione Ad Pacem ha ricevuto in agosto in Italia, in occasione dei due concerti di beneficenza a Serra Sant’Abbondio e Pergola e dell’appello alle donazioni presso il convento francescano di Ostra Vetere.