Assemblea generale

Resoconto della terza assemblea generale

Mercoledì 5 febbraio 2020 si è tenuta la terza assemblea generale della nostra associazione senza scopo di lucro “Per la pace e contro la guerra” al 1° piano del centro culturale regionale “Aalt Stadhaus”, 38 avenue Charlotte a Differdange (L).

Per la comitato erano presenti il presidente, la vicepresidente e il segretario, mentre il tesoriere è stato scusato, lasciando una delega al segretario Christian Welter. Sedici membri erano presenti in sala, mentre ventitré si erano scusati.

Dopo aver dato il benvenuto a tutti, il presidente ha dato un resoconto dettagliato di tutte le attività, in linea con i tre obiettivi dell’associazione, che l’associazione aveva organizzato nel corso dell’anno 2019.

Continue reading “Resoconto della terza assemblea generale”

Azioni di sostegno

Strumenti musicali per giovani di Avdiivka

La nostra organizzazione no profit “Pour la Paix et contre la Guerre” ha finanziato e inviato nel 2019 tutti gli strumenti musicali a un gruppo di giovani che vogliono opporsi a la guerra con la musica.

Avdiivka è una città industriale in Ucraina, che confina con la città di Donetsk controllata da milizie filo-russe. Nel periodo anteguerra, cioè prima del 2014, la vita culturale si è concentrata soprattutto a Donetsk. Ad Avdiivka c’erano solo fabbriche e dormitori. Dall’estate del 2014 gli abitanti di Avdiivka vivono vicino al fronte.
Una coppia ucraino-patriottica, Svetlana e Oleksiy Savkevych, lavora dall’inizio della guerra per promuovere attività ricreative per i giovani della loro città. Nel maggio 2018, sono persino riusciti a organizzare un festival della cultura ucraina ad Avdiivka.
Questo festival ha suscitato grande interesse nella musica tra i giovani. Per questo Oleksiy ha voluto trovare e allestire una sala di musica per i giovani. Doveva essere uno spazio dove i giovani potessero incontrarsi lontano dalla strada e dalla guerra, imparare l’uno dall’altro e fare musica insieme.
Continue reading “Strumenti musicali per giovani di Avdiivka”

Azioni di sostegno

Calendario 2020 con le foto della marcia per la pace

Dalla fine di luglio all’inizio di settembre 2019, un giovane membro della nostra associazione, Anselmo Malvetti, ha intrapreso una marcia per la pace dal lago di Ginevra alle rive del Mediterraneo. Ha voluto così richiamare l’attenzione sulla guerra russo-ucraina che, dal 2014, ha causato più di 14.000 morti e ha costretto 1,5 milioni e mezzo di ucraini a lasciare la loro patria. La maggior parte di loro si è rifugiata in Ucraina libera.


In autunno, Anselmo ci ha regalato le dodici foto più belle che ha scattato durante la sua marcia per realizzare un bellissimo calendario per il 2020, grazie alla progettazione artistica di Lisa Battestini. Continue reading “Calendario 2020 con le foto della marcia per la pace”

Uscite

Gita culturale in Alsazia

Il 17 e 18 dicembre 2019 la nostra associazione “Ad pacem” ha organizzato un viaggio culturale ed educativo in Alsazia. Insieme a tre insegnanti, venticinque alunni del Lycée de Garçons di Esch-sur-Alzette (L) hanno visitato il campo di concentramento di Natzweiler-Struthof, il Memoriale dell’Alsazia-Mosella a Schirmeck e il Parlamento europeo a Strasburgo.

Visita del campo di concentramento

Venticinque alunni del Lycée de Garçons d’Esch-sur-Alzette hanno intrapreso un viaggio educativo in Alsazia il 17 dicembre, accompagnati da tre insegnanti, Claude Pantaleoni, Christian Welter e Dora Almeida.
La prima tappa è stata una visita all’ex campo di concentramento nazista di Natzweiler-Struthof a sud di Strasburgo, dove siamo arrivati in autobus alle 10.30 circa. L’intero sito è una “necropoli nazionale” dove 22.000 persone, per lo più deportati politici e combattenti della resistenza, sono stati uccisi a causa della loro opposizione al sistema nazista. Molti dei circa 400 lussemburghesi che vi sono stati internati hanno perso la vita.

Continue reading “Gita culturale in Alsazia”

Azioni di sostegno

Azioni di aiuto per bambini rifugiati a Dnipro

Nel novembre 2019 la Caritas ucraina di Dnipro (una grande città dell’Ucraina orientale) ci ha chiesto se avessimo vestiti, scarpe e regali da inviare a circa 40 bambini di famiglie di rifugiati, da 1 a 15 anni.
È stato spontaneamente e rapidamente che alcuni dei nostri soci che abbiamo contattato hanno donato vestiti, scarpe e regali ai bambini. Due scatole sono state donate anche dalla Croce Rossa di Villerupt (F).

La comunità greco-cattolica di Dnipro organizza aiuti per queste famiglie fuggite dai territori occupati dai separatisti filorussi a Luhansk e Donezk. Tutti sono fuggiti per motivi politici e/o religiosi.
Il 15 dicembre sono state inviate a Dnipro cinque grandi scatole del peso totale di 80 kg, dove sono arrivate il 20 dicembre. Tutto è stato distribuito ai bambini, ai giovani e ai loro genitori. Continue reading “Azioni di aiuto per bambini rifugiati a Dnipro”

Azioni di sostegno

Vendita di torte al Lycée de Garçons di Esch-sur-Alzette a favore dei profughi di guerra Ludmila e Danil

Gli studenti del Lycée de Garçons d’Esch-sur-Alzette (L) hanno organizzato la vendita di dolci fatti in casa durante le pause dal 21 ottobre al 12 novembre 2019. Il ricavato era a favore di Ludmila Bazhenova e di suo nipote Danil. Entrambi sono rifugiati di guerra da Donetsk (Ucraina orientale), città occupata da separatisti filo-russi.

Fino alla fine di ottobre, entrambi sono stati aiutati dalla Caritas di Dnipro. Questa organizzazione umanitaria ci ha trasmesso questa difficile situazione, a metà ottobre, dalla settantenne nonna Ludmila e da suo nipote Danil, che ha dodici anni. Entrambi sono fuggiti da Donetsk nel 2017 perché la situazione familiare era diventata insostenibile per la nonna e il bambino.
La madre di Danil ha dato alla luce un bambino handicappato nel 2014 durante i bombardamenti. Il padre, non il padre naturale di Danil, fu mandato in prigione dove fu torturato per mesi dai separatisti. Durante i lavori forzati all’aria aperta riuscì a fuggire e tornò in segreto in famiglia. Ma, è diventato così mentalmente instabile che ha costantemente picchiato Danil. La nonna non sopportava più questa difficile situazione e, non avendo trovato aiuto nella zona occupata, decise di fuggire con il nipote. Sono fuggiti senza problemi attraverso campi minati non sorvegliati, in Ucraina libera e in sicurezza e hanno raggiunto la città di Dnipro. Continue reading “Vendita di torte al Lycée de Garçons di Esch-sur-Alzette a favore dei profughi di guerra Ludmila e Danil”

Conferenze, Tavole rotonde / Dibattiti

Il mantenimento della pace in Europa tra ideale e realtà

Invito

Sabato 9 novembre dalle 10.00 alle 12.00
al Creative Hub 1535° a Differdange (115 rue Emile Mark), Lussemburgo

Invitiamo tutti i nostri membri e tutti gli interessati ad assistere alla conferenza seguita da un dibattito politico, sabato 9 novembre 2019 a Differdange al 1535°, in Lussemburgo.

Un esperto nell’ambito della ricerca su pace e conflitti in Europa, il prof. Dr. Bruno Schoch, Senior Researcher al Leibniz-Institut Hessische Stiftung Friedens- und Konfliktforschung di Francoforte sul Meno, terrà una conferenza in tedesco sulla tematica “Gesamteuropäische Friedensordnung zwischen Idee und Realität” (Il mantenimento della pace in Europa tra ideale e realtà).

Sono stati invitati a partecipare alla conferenza e al dibattito rappresentanti dei partiti politici della Camera dei Deputati del Lussemburgo e rappresentanti di partiti politici tedeschi. Continue reading “Il mantenimento della pace in Europa tra ideale e realtà”

Azioni di sostegno

Nuovo appello a sostenere Lev Borodin

Sabato 17 et domenica 18 agosto, siamo stati al Santuario San Pasquale Baylòn a Ostra Vetere nelle Marche, dove in tutte le messe abbiamo ringraziato tutta la comunità per le offerte dell’anno passato che hanno permesso a Lev Borodin di frequentare il primo anno di studi informatici all’università di Kyiv. Abbiamo di nuovo spiegato i motivi che ci spingono, in quanto associazione “Ad pacem servandam”, ad aiutare questo giovane. Lev ha scritto una lettera alla comunità nella quale ringrazia con tutto il cuore tutti quelli che lo sostengono. Alcuni passaggi della lettera sono stati citati durante le messe.
Con l’accordo e il sostegno dei padri francescani del Santuario, abbiamo rinnovato il nostro appello a sostenere Lev, rifugiato da Donetsk a Kyiv, e finanziare gli studi universitari del prossimo anno accademico. Grazie al nostro appello abbiamo riscosso la somma di 1065 €.