La guerra della Russia contro l’Ucraina

Il team di medici dell’ospedale da campo che ha ricevuto i nostri elmetti e gilet antiproiettile all’inizio di aprile 2023 comprendeva anche Oleg, un infermiere di primo soccorso. Il 6 dicembre 2023, Oleg ci ha inviato un messaggio di testo e delle foto di se stesso in ospedale. Nel suo messaggio ha scritto: “All’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, io, come molti miei colleghi di scuola, ho cambiato classe e sono andato al fronte come infermiere di primo soccorso per aiutare i nostri soldati a liberare il nostro Paese dagli invasori russi”. Il 1° dicembre 2023, mentre trasportavamo i soldati feriti dal campo di battaglia, siamo finiti sotto il fuoco. Sono stato colpito dai proiettili, ma mi sono salvato grazie all’aiuto di Dio e all’elmettot e al gilet antiproiettile che mi avete comprato. Vi prego di accettare i miei più sinceri ringraziamenti in occasione di oggi, festa di San Nicola, e auguro a tutti voi una lunga vita!”

Conferenze / dibattiti / testimonianze

Morte di Ihor Kozlovsky

Ihor Kozlovsky, storico e ricercatore ucraino di studi religiosi, è morto di infarto il 6 settembre 2023 a Kiev.

Kozlovsky aveva 69 anni. Era originario della regione di Donetsk. Anche dopo l’invasione russa del 2014, non ha mai lasciato la sua città natale. Il 27 gennaio 2016, i militanti della cosiddetta Repubblica Popolare di Donetsk lo hanno fatto prigioniero a causa delle sue posizioni filo-ucraine. Kozlovsky è rimasto in cattività per 700 giorni, dove è stato sottoposto a numerose torture. È stato rilasciato in uno scambio di prigionieri il 27 dicembre 2017.

Dopo il suo ritorno in Ucraina, ha lavorato a Kiev presso il Dipartimento di studi religiosi dell’Istituto di filosofia dell’Accademia nazionale delle scienze ucraina.

Invitato nell’ottobre 2021 dalla nostra associazione “Ad pacem servandam – Per la pace e contro la guerra”, Ihor Kozlovsky si è recato in Francia, Lussemburgo e Germania per testimoniare personalmente i crimini di guerra russi contro i civili in Ucraina. Ha rilasciato diverse interviste a giornalisti tedeschi, lussemburghesi e francesi.

È possibile vedere la conferenza che Ihor Kozlovsky ha tenuto a Mont-Saint-Martin (F) il 16 ottobre 2021 cliccando sul seguente link:

Guerra in Ucraina. 700 giorni di prigionia e tortura. Ihor Kozlovsky testimonia

Azioni di sostegno all’Ucraina

Intervista con la signora Tetyana PONOMARENKO, direttrice della clinica psichiatrica di VORZEL (regione di Kyiv), condotta il 2 luglio 2023 da Natalya PANTALEONI, vicepresidente di “Ad Pacem servandam – Per la pace e contro la guerra”

Signora Ponomarenko, quali sono i compiti e le terapie di questo ospedale psichiatrico prima della guerra iniziata il 24 febbraio 2022?

Fin dalla sua fondazione, l’ospedale psichiatrico N.2 di Vorzel ha avuto il compito di soddisfare le esigenze della popolazione di Kyiv e della regione di Kyiv in termini di trattamento e assistenza psichiatrica. L’ospedale ha un totale di otto reparti, i più importanti dei quali sono: per i bambini e gli adolescenti, per le persone con la sindrome di Down, per le persone autistiche, per le persone con disturbi psico-comportamentali e per quelle con ritardi nello sviluppo mentale. Un’unità è stata progettata per aiutare i malati dipendenti dall’alcol. 

Quante persone traumatizzate dalla guerra e provenienti da zone di guerra sono attualmente in cura in questa clinica? Come sono cambiati questi compiti dall’inizio della guerra? Quanti dipendenti e volontari lavorano qui?

Dal 2017 l’ospedale si è specializzato nell’offrire aiuto ai veterani che hanno subito danni psicologici a causa dei combattimenti militari nel Donbass. La maggior parte dei pazienti soffre di traumi causati dalla guerra di aggressione russa. Sono soldati che hanno combattuto al fronte e che non riescono ad affrontare la terribile realtà della guerra: hanno dovuto uccidere persone o sperimentare la morte di amici senza poterla impedire. Tra i pazienti ci sono soldati che si sentono costretti dalla società ad andare in guerra, mentre altri sono stati risparmiati dalla guerra al fronte. Ci sono anche soldati che hanno sperimentato la prigionia e la tortura, e altri i cui familiari sono stati vittime di violenza sessuale. Infine, ci sono pazienti che, a causa della loro incapacità di affrontare da soli il trauma, precipitano nelle dipendenze da droghe e alcol. Queste persone soffrono soprattutto di depressione profonda, ansia e disturbi psicosomatici.

L’ospedale può ospitare un massimo di 300 pazienti e circa 45-50 dovrebbero poter essere trattati come pazienti ambulatoriali, cioè vengono durante il giorno e passano la notte a casa. Attualmente l’ospedale ha 16 medici, 34 infermieri e 16 dipendenti (segretaria, cuochi, autisti di ambulanze, operai, servizio di pulizia). Oggi il personale è sovraccarico di lavoro e chiaramente sotto organico, poiché l’ospedale ospita più pazienti di quanti ne siano previsti dalle infrastrutture. Quando è iniziata la guerra di aggressione russa nel febbraio 2022, l’ospedale ha accolto 62 pazienti provenienti dall’ospedale psichiatrico di Charkiv. È stato necessario evacuarli da Charkiv. Poiché l’ospedale psichiatrico di Charkiv non è stato riaperto dopo l’attacco russo alla città, tutti i pazienti sono rimasti a Vorzel per il momento. Durante il fine settimana, solo uno psichiatra è di turno per tutti i 300 pazienti.

Tuttavia, i volontari si recano all’ospedale per offrire il loro aiuto. Si tratta per lo più di studenti di psicologia e di medicina che non possono assumersi responsabilità nel trattamento, e le opportunità di impiego sono quindi limitate. Fino all’inizio della guerra, l’ospedale disponeva di un reparto pediatrico. Ora è chiuso.

Al momento non ci sono bambini in ospedale, perché le famiglie preferiscono tenerli con sé o vengono come pazienti ambulatoriali.

I membri di un club cinofilo di Kyjiv vengono regolarmente con i loro cani per aiutare i medici nella canisteria con i malati.

Quali sono le principali malattie e disturbi mentali dei pazienti civili e dei soldati che arrivano qui dal fronte?

La legge non consente a noi responsabili di pubblicare dati statistici precisi sui nostri pazienti. Ma è un dato di fatto che dal 2015 questo ospedale si è specializzato nella cura dei veterani di guerra.

Con quali aspettative) queste persone si sono arruolate in guerra? Queste speranze sono false alla luce di ciò che attende i soldati lì?

La storia personale di ogni persona è diversa. Molti patrioti si sono arruolati in guerra per difendere il proprio Paese. Solo che la realtà che attende i soldati al fronte è molto più crudele di quanto potessero immaginare.

 Questi uomini e queste donne erano preparati alla guerra?

No, in generale si può dire che la gente non era affatto preparata alla guerra. Fino al giorno del massiccio attacco russo, nessuno credeva davvero che una cosa del genere fosse possibile. Lo shock tra gli ucraini è stato ancora più grande.

Questa clinica ha abbastanza personale qualificato per le terapie?

C’è una mancanza di personale, soprattutto di personale formato nel campo dei traumi di guerra. Alcuni dei consulenti stessi soffrono di burnout. Mancano anche i farmaci; le quote garantite dal governo sono state ridotte, anche se l’ospedale ha bisogno di molti più farmaci in questo periodo di guerra.

Cosa fanno questi uomini e queste donne dopo la terapia?

I pazienti civili tornano alla società civile dopo il trattamento. Purtroppo, il numero di ricadute è elevato. Ciò è dovuto al fatto che la guerra continua e che quasi ogni giorno ci sono forti sirene antiaeree. Ogni giorno arrivano notizie tragiche.  Dopo il trattamento, la maggior parte dei soldati torna al fronte.

 Quali sono le sfide materiali e di personale che la clinica deve affrontare oggi?) Cosa manca soprattutto?

Mancano soprattutto i medicinali e le attrezzature mediche e materiali necessarie. Durante l’occupazione russa, tutti i computer e le attrezzature mediche sono stati rubati o distrutti. Il sistema di riscaldamento è stato gravemente danneggiato. Sono stati rubati persino i mestoli e le posate della cucina. Le enciclopedie mediche nell’ufficio del direttore sono state bruciate. Diversi reparti dell’ospedale hanno bisogno di essere ristrutturati. In molte stanze in cui le finestre e le porte sono state strappate durante l’occupazione sono cadute neve e pioggia, per cui i pavimenti sono danneggiati e in molti punti è comparsa la muffa. È necessario sostituirli con urgenza. La piccola serra in cui i pazienti coltivavano le proprie verdure, che fa parte delle terapie, è stata distrutta.

La clinica riceve aiuti dall’estero? In che misura i bisogni della clinica sono coperti da questi aiuti?

In primo luogo, sono i cittadini ucraini ad aiutare dopo la liberazione di Vorzel e il ritorno dei degenti all’ospedale. Alcuni agricoltori delle vicinanze portano prodotti caseari e cibo. I club sportivi di Kyjiv hanno aiutato a pulire e, per quanto possibile, a riparare gli edifici dopo l’occupazione.

Un’organizzazione tedesca ha fatto una donazione in denaro per acquistare medicinali. Queste dovrebbero durare fino alla fine del 2023. Ma i bisogni reali sono aumentati così rapidamente che questi pacchetti di aiuti sono stati esauriti nel corso di soli 3 mesi.

Quando la signora Pantaleoni ha chiesto se “Ad Pacem” poteva aiutare subito con una donazione per l’acquisto di medicinali, alla direttrice sono venute le lacrime agli occhi. Ha confessato che al momento, in molte zone, la clinica aveva a disposizione farmaci solo fino alla fine della settimana in corso. Ha accettato con gratitudine l’offerta per l’acquisto immediato di un pacchetto di aiuti da 1.000 euro (da vedere sul sito web sotto il titolo “La guerra della Russia contro l’Ucraina”, 3 luglio 2023).

La signora Tetyana Ponomarenko con Natalya Pantaleoni e nostro rappresentante in Ucraina Anatoly Kmetko.

Azioni di sostegno all’Ucraina, La guerra della Russia contro l’Ucraina

1 settembre 2023: l’ospedale psichiatrico di Vorzel (regione di Kiev) ha ricevuto i farmaci per la cura delle vittime di guerra. I medicinali sono stati acquistati con i fondi che la nostra associazione Ad Pacem ha ricevuto in agosto in Italia, in occasione dei due concerti di beneficenza a Serra Sant’Abbondio e Pergola e dell’appello alle donazioni presso il convento francescano di Ostra Vetere.

Azioni di sostegno all’Ucraina, La guerra della Russia contro l’Ucraina

Dal marzo 2023, Ad Pacem sostiene la casa di accoglienza per bambini Misto Dobra (Città della Bontà) di Chernivtsi (Ucraina occidentale), dove il centro ospita 400 rifugiati di guerra, tra cui 150 bambini provenienti da orfanotrofi. Si tratta di bambini dalla nascita ai 7 anni. Dall’inizio della guerra, sono state accolte anche madri con bambini provenienti dalle zone di guerra. Inoltre, sono state evacuate tre case di accoglienza per bambini da Odessa e Mykolaiv. Fino a metà maggio 2023 sono stati finanziati 10 letti per bambini, 10 comodini per bambini con fasciatoio, 5 depuratori d’aria e un pulitore a vapore Kärcher.

Newsletter

Newsletter 25

Cari amici,

Visitare musei, mostre e luoghi di memoria delle guerre passate è una delle attività della nostra associazione Ad Pacem. A causa del periodo di Covid e del nostro impegno a favore dei rifugiati ucraini nel 2022, in seguito alla guerra di aggressione russa, abbiamo temporaneamente sospeso queste attività.

Museo della guerra di Bastogne

Sabato 17 giugno, vi invitiamo a visitare il Museo della Guerra di Bastogne.
La visita guidata inizierà presso il Museo alle 9.30 e terminerà, per la prima parte, alle 12.30 circa. In seguito, ci sarà la possibilità di visitare il bookshop del Museo e di prendere un caffè al Bistrot de la Paix. In seguito, faremo un picnic con il nostro pranzo al sacco in un’area del museo, con una bevanda a persona. Verso le 13.30 si prosegue con una seconda uscita di mezz’ora a pochi chilometri dal museo.
Verso le 14.30 inizieremo il viaggio di ritorno.
L’ingresso costerà 20 euro per gli adulti, mentre la nostra associazione pagherà il biglietto d’ingresso per i giovani sotto i 16 anni.
Per coloro che desiderano unirsi in auto, vi preghiamo di comunicarci entro il 15 giugno su [email protected]se siete dei nostri, se avete un’auto o se volete essere accompagnati a Bastogne.
La nostra segreteria vi contatterà per organizzare il car pooling dai vari punti di incontro.

Bicicletta per il clima – bicicletta per la pace

Colgo l’occasione per annunciare il nostro prossimo evento Bike for climate, che si terrà sabato 15 lugliodalle 10.00 alle 17.00 circa sulle piste ciclabili del sud del Lussemburgo.
Andare in bicicletta fa bene alla salute, al clima e alla pace!
Non esitate quindi a salvare la data e a unirvi a noi!
È già possibile iscriversi inviando un’e-mail a [email protected]. Vi invieremo ulteriori informazioni sul tour all’inizio di luglio.

Saluti di pace!

Claude Pantaleoni
Presidente