Bici per il clima – bici per la pace

5° Bici per il clima – bici per la pace

Sulle piste ciclabili vicino ai tre confini (tripoint)

Otto giovani e meno giovani dell’associazione Ad Pacem si sono ritrovati sabato 18 maggio 2024 per la loro Bici per il clima nel parcheggio accanto alla chiesa di Elvange (L). Nonostante la pioggia dei giorni precedenti, il tempo è rimasto asciutto per tutti i 45 km del percorso. Con un cielo coperto e temperature ideali, è stato un piacere pedalare tra campi, vigneti e villaggi. Ma quando i ciclisti sono arrivati a Remerschen, sul lungomare della Mosella, hanno avuto la sorpresa di dover pedalare per diverse centinaia di metri su una pista allagata da venti centimetri d’acqua provenienti dallo straripamento della Mosella.


Remerschen
Remerschen
Remerschen



Museo Schengen

La prima tappa è stata il Museo europeo di Schengen (L), che ripercorre i progressi dell’integrazione europea e l’istituzione dello spazio di libera circolazione di Schengen fin dai primi giorni. Il 18 dicembre 2007, l’ex ministro degli Esteri polacco, Bronislaw Geremek, ha descritto questo processo con queste parole:

“L’abolizione delle frontiere interne dell’UE è un segno di riconoscimento che tutti i cittadini degli Stati interessati appartengono allo stesso spazio e condividono un’identità comune”.


La mostra permanente trilingue del museo mostra come l’abolizione dei controlli alle frontiere interne rappresenti un passo importante nel processo di integrazione europea. Un’area espositiva di 200 m2 offre ai visitatori una serie di temi diversi, insieme a informazioni di base. I visitatori possono vedere i vari simboli doganali e di confine che caratterizzavano i posti di frontiera tra gli Stati prima della creazione dell’UE. Sono stati tutti aboliti per consentire la libera comunicazione e circolazione tra le diverse nazioni e popolazioni dell’UE.


Villa romana Borg

I ciclisti hanno poi attraversato il ponte sulla Mosella per iniziare la lunga salita, sul versante tedesco, attraverso i vigneti fino alla Villa romana Borg, vicino a Nennig (D). Durante la salita, i ciclisti hanno superato un bunker che fa parte del Westwall costruito dai nazisti tra il 1939 e il 1940. Ci sono 75 bunker lungo questo tratto di 10,9 km tra l’est della città di Perl e l’ansa del fiume Saar vicino al villaggio di Orscholz.


Una volta raggiunta la villa romana, è stato il momento della pausa pranzo e del pranzo al sacco.


Dopo pranzo, è stato il momento di visitare l’imponente villa. Questo complesso è stato completamente ricostruito dalle fondamenta. La visita alle residenze di Villa Borg dà un’idea della vita dei privilegiati romani di duemila anni fa. Il museo all’aperto con i reperti rinvenuti durante gli scavi archeologici, le magnifiche terme della villa, i giardini armoniosi, le sale per i banchetti, la portineria, la cucina romana e la taverna romana invitano a soffermarsi.


Villa romana con il più grande mosaico a nord delle Alpi

Dopo aver attraversato altri vigneti e boschi, la tappa successiva è stata la villa romana vicino a Nennig (D). Qui si trova il più grande mosaico di epoca romana a nord delle Alpi.

Il magnifico pavimento a mosaico della villa è uno dei più importanti reperti del suo genere a nord delle Alpi, e uno dei pochi ancora oggi visitabili nel luogo di ritrovamento originario. Protetto da una struttura costruita circa 150 anni fa, il sito è una delle più antiche esposizioni museali di reperti archeologici in Germania.

Il mosaico, accuratamente strutturato, si stende come un tappeto su un’imitazione di tessere di marmo bianco e nero. Il mosaico è stato realizzato all’inizio del III secolo d.C. Misura circa 160 m2 sul pavimento e incorpora un pozzo decorato con lastre di marmo. Il mosaico è stato realizzato con circa 3 milioni di piccole pietre.


Poco prima di visitare il mosaico, il gruppo si era fermato per qualche istante davanti a un tumulo che forma un complesso funerario romano del II secolo d.C.



Per gli ultimi 10 km, il gruppo è stato costretto a fare una leggera deviazione e a prendere la strada principale. Le forti piogge del giorno precedente avevano causato una frana che aveva spazzato via diversi alberi, bloccando completamente la strada.



È stato un viaggio in bicicletta molto bello verso il triplice punto “Lussemburgo, Francia e Germania”.

Bici per il clima – bici per la pace

4° Bicicletta per il clima – Bicicletta per la pace (sabato 20 maggio 2023)

Sabato mattina, 20 maggio, otto di noi si sono dati appuntamento alla stazione di Bettembourg per una pedalata di 46 km sulle piste ciclabili del sud del Lussemburgo.

Abbiamo attraversato Peppange (passando davanti all’ex convento benedettino) e Hellange, poi abbiamo attraversato il confine francese in mezzo ai campi e abbiamo scoperto i villaggi di Hagen e Évrange, oltre ai monumenti alle vittime delle due guerre mondiali. A Évrange ci siamo fermati per visitare la chiesa neogotica dedicata a Sant’Albin, aperta al pubblico, e per ammirare le vetrate interne, due delle quali hanno come tema la guerra e la pace. (La chiesa fu parzialmente distrutta durante la Seconda guerra mondiale e restaurata nel dopoguerra).

Dopo aver attraversato nuovamente il confine, ci siamo fermati ad Aspelt, vicino al castello barocco e alla statua in bronzo di Pietro d’Aspelt (1240-1320, Elettore e Arcivescovo di Magonza), eretta in suo onore nel 2021 sulla piazza antistante la chiesa. La scultura in questione, tuttavia, ci ha lasciato piuttosto perplessi a causa delle scelte artistiche: Peter von Aspelt è infatti raffigurato senza alcuna insegna episcopale e ha un aspetto stranamente androgino.

La pausa pranzo si è svolta a Dalheim, ai piedi del Monumento dell’Aquila. Si tratta di una colonna alta circa dieci metri, con un’aquila romana appollaiata in cima a un globo. Questo monumento fu eretto nel 1855 dalla “Société archéologique luxembourgeoise” per commemorare la presenza dei Romani a Dalheim, in particolare il Vicus Ricciacum. A pochi passi da questo sito, abbiamo potuto visitare anche il teatro gallo-romano scendendo verso Dalheim. Questo antico anfiteatro, che poteva ospitare circa 3.500 spettatori, risale probabilmente al II secolo.

Siamo poi tornati indietro passando per Hassel, Alzingen e Hesperange, dove abbiamo fatto un’ultima pausa al laghetto nel mezzo del parco cittadino. Alle 16.30 il nostro gruppo è tornato al parcheggio della stazione di Bettemburg, punto di arrivo di questo tour ciclistico, in condizioni meteorologiche ideali.

Bici per il clima – bici per la pace

Terza corsa in bici per il clima – Bici per la pace

29 aprile 2023

Dodici membri dell’associazione Ad Pacem si sono ritrovati a metà mattina di sabato 29 aprile 2023 per una passeggiata in bicicletta nel parcheggio della stazione di Bettembourg (L). Dopo un inizio di primavera piovoso e freddo, l’uscita ha regalato ore di aria fresca dai prati e dai campi.

Dipendenza energetica
L’associazione sostiene il ciclismo, anche in considerazione delle guerre in corso, che spesso sono guerre per il controllo di giacimenti di petrolio e gas o per rendere intere popolazioni dipendenti da fonti energetiche di cui non dispongono.

Le energie del petrolio e del gas sono potenti leve di potere nelle mani di alcuni Stati belligeranti, come nel caso della Russia, per lungo tempo uno dei principali fornitori di queste energie all’Europa e all’Ucraina.
È vero che la bicicletta è solo una parte della via d’uscita da queste dipendenze energetiche. Ma simboleggia la transizione ecologica verso energie rinnovabili e salutari per l’uomo.

I minatori morti per lo sviluppo del Paese
Dopo aver attraversato Dudelange-Burange e Budersberg, Kayl, Tétange e Rumelange, con il suo Museo delle Miniere, il gruppo ha fatto una pausa pranzo a Léiffrächen, ai piedi del Monumento nazionale dei minatori che commemora le numerose vittime delle miniere lussemburghesi dalla seconda metà del XVIII secolo agli anni Cinquanta. Va ricordato che molti giovani tra i 13 e i 15 anni furono tra le vittime del pericoloso lavoro in miniera.

La visita è proseguita con una discesa a Ellergrond, una riserva naturale vicina al confine francese fino a Esch-sur-Alzette. Il gruppo ha poi imboccato la nuova passerella della pista ciclabile che conduce al cuore del sito di Belval.
Dopo una breve pausa, il gruppo ha proseguito per Lallange, Schifflange e Huncherange, arrivando al parcheggio della stazione di Bettembourg, punto di arrivo del tour, intorno alle 16.00.

Piste ciclabili senza ciclistiOrganizzando questa giornata ciclistica, l’associazione ricorda a tutti i leader politici che l’uso della bicicletta deve essere politicamente incoraggiato tra la popolazione. Per tutta la giornata, i partecipanti non hanno incontrato quasi nessun altro appassionato di ciclismo sulle piste ciclabili, che sono tutte in perfette condizioni.

Bici per il clima – bici per la pace

Secondo Bike per il clima – bike per la pace

9 ottobre 2022

Sabato 9 ottobre 2022, l’associazione Ad Pacem ha organizzato una pedalata sulle piste ciclabili del Lussemburgo sud-occidentale. 
Dieci persone si sono incontrate alle 9 del mattino per partire dalla stazione di Pétange. 
Il gruppo ha fatto diverse pause lungo il percorso di 40 km. A mezzogiorno, tutti hanno pranzato all’aria aperta. 
Poiché il percorso era organizzato ad anello, verso le 17 l’intero gruppo è arrivato di nuovo alla stazione di Pétange da dove era partito. 
Questa gita tra i campi e i boschi è stata un’altra esperienza per riscoprire la bicicletta come mezzo di trasporto ecologico, sano e di gruppo.

Bici per il clima – bici per la pace

Bike for climate – bike for peace

Quindici membri dell’associazione Ad Pacem hanno pedalato insieme per due giorni sulle piste ciclabili del Lussemburgo. Questa uscita in bicicletta ha fatto comprendere come questo mezzo di locomozione riduca l’inquinamento dell’aria e il cambiamento climatico, e procuri benessere e pace allo spirito, all’anima e al corpo.

Sono partiti in bicicletta la mattina del 15 aprile dal Glacis a Lussemburgo città percorrendo la pista ciclabile n. 2, che attraversa il Ponte Rosso e il Kirchberg e conduce fino a Echternach.

La pausa pranzo si è svolta alla fermata del bus del piccolo villaggio di Rippeg. All’altezza di Consdorf è stato possibile vedere, al margine della pista ciclabile, l’enorme bomba americana risalente alla Seconda guerra mondiale, ritrovata nel 1990. il gruppo è arrivato al lago di Echternach verso le 15.30.

Visita della villa romana

Alle 16.30 il gruppo ha visitato il Museo della villa romana. La guida ha spiegato in maniera molto dettagliata come si viveva nella villa, che fu abitata dal I al X secolo d.C.

Dalla terrazza del museo ci si può rendere conto della grandezza e delle dimensioni considerevoli della villa e della campagna circostante. Le collezioni del museo mettono in luce soprattutto l’importanza degli studi classici dei giovani dell’aristocrazia romana e l’arte della cucina del tempo.

La cena si è tenuta all’aperto sulla terrazza dell’ostello della gioventù a Echternach.

Visita della basilica e della cripta

Venerdì mattina il gruppo ha inforcato le biciclette in direzione Echternach dove il gruppo ha assistito alla messa nella basilica. Successivamente, don Erasmy ha illustrato la storia della basilica dalla sua fondazione nel VII secolo fino ai giorni nostri, soffermandosi anche sulle diverse fasi di distruzione e ricostruzione.

Il gruppo ha visitato la cripta, dov’è conservata la tomba di San Willibrord, che ha evangelizzato questi luoghi diffondendo la fede cristiana. Come noto, è il patrono del Lussemburgo e la processione danzante in suo onore, che si tiene il martedì della Pentecoste, è stata inserita nel 2010 nel Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’UNESCO.

Alle 10.30 il gruppo ha lasciato Echternach e ha imboccato la pista ciclabile n. 3 seguendo il corso del fiume Sûre. Dopo una pausa pranzo a Born, villaggio vicino alla Sûre, il viaggio è continuato fino a Mertert, dove il gruppo è passato alla pista ciclabile n, 4 verso Niederanven. Il percorso si è concluso, a cerchio, ripercorrendo i primi chilometri affrontati il giorno precedente. Alle 19.30 il gruppo è arrivato al Glacis.

Dopo due giorni di viaggio in bicicletta, faticosi ma soddisfacenti, i partecipanti hanno apprezzato in particolare il contatto con la natura. Gli spostamenti in bicicletta sono fondamentali per limitare l’inquinamento da Co2, per diminuire l’effetto serra e per avviarsi verso un consapevole cambiamento ecologico.